LAHMIA – Into The Abyss

Pubblicato il 02/06/2012 da
voto
6.5
  • Band: LAHMIA
  • Durata: 00:52:59
  • Disponibile dal: 14/05/2012
  • Etichetta: Bakerteam Records
  • Distributore: Audioglobe

Dopo i crescenti responsi dei due demo pubblicati in passato – “An Eternal Memory” e “Forget Every Sunrise” – i romani Lahmia arrivano al debutto su full-length attraverso l’attenta Bakerteam Records, che sta spingendo molto la melodic death metal band della Capitale. In questo esordio, intitolato con un forse un po’ abusato “Into The Abyss”, rileviamo dei fattori certamente di pregio e prestigio per i ragazzi, ma purtroppo anche una nutrita serie di cliché e una imperante mancanza di originalità che, se fino a livello demo si poteva perdonare, ora che si fa sul serio bisogna anche un po’ condannare. Fra i pregi abbiamo sicuramente la buona professionalità con cui si presenta il prodotto, dotato di copertina a cura di Niklas Sundin, masterizzazione presso i Fascination Street Studios di Jens Bogren e registrazione/mix agli Outer Sound di Giuseppe Orlando dei Novembre; le credenziali, quindi, ci sono tutte e, oltre a ciò, “Into The Abyss” può vantare una tracklist che scorre via piacevole e carica di pezzi ineccepibili e ben strutturati, almeno in ambito death metal melodico influenzato da thrash, classic e dark-gothic; e anche gli interpreti in questione sanno il fatto loro, inutile negarlo. Il problema che però attanaglia i Lahmia è che, praticamente in tutti gli episodi, i richiami più che evidenti ad altre band strabordano alquanto: i Dark Tranquillity sono più di un’influenza per i Nostri, e brani come la title-track e “The Tunnel” lo dimostrano ampiamente; “Silent Through The Screaming Crowd” si avvicina moltissimo a quanto fatto dai Sentenced ai tempi di “Down”; “My Crown” sfiora il plagio – ci spiace dirlo, perché è comunque un bellissimo pezzo – del repertorio dei My Dying Bride; “Glass Eyed Child” presenta passaggi cari ai Novembre. Meglio funzionano le canzoni che qualitativamente si elevano nella tracklist, ad esempio “Nightfall” e la più aggressiva “Strength From My Wounds”, nella quale interviene alla voce anche il Trevor nazionale. Dunque siamo di fronte ad un album formalmente buono e appagante, che comunque deve imporre ai Lahmia una riflessione, in quanto urge davvero aggiungere un minimo tocco personale al loro sound. Le capacità ci sono e l’attitudine anche, secondo noi si può migliorare tanto.

TRACKLIST

  1. Drag Me To Hell
  2. Nightfall
  3. Silent Through The Screaming Crowd
  4. The Tunnel
  5. Into The Abyss
  6. Glass Eyed Child
  7. Grinding Dreams
  8. Strength From My Wounds
  9. My Crown
  10. Ab Aeterno (outro)
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.