LAKE OF TEARS – Illwill

Pubblicato il 29/04/2011 da
voto
5.5
  • Band: LAKE OF TEARS
  • Durata: 00:40:23
  • Disponibile dal: 29/04/2011
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Sarà per la voglia di cambiare che hanno sempre avuto, oppure perché hanno perso la bussola e non sanno ritrovare la strada maestra; fatto sta che i Lake Of Tears con questo “Illwill” mischiano ancora le carte in tavola, rimaneggiando una volta di più il loro sound. Stavolta però, spiace dirlo, il risultato non è assolutamente all’altezza delle previsioni e, salvo rare eccezioni, i dieci brani qui contenuti scivolano via sull’onda di un piattume decisamente non consono alla band. Gli svedesi nel nuovo lavoro esplorano territori molto affini al metal classico, nel punto dove questo si scontra con il thrash; il mood è piuttosto darkeggiante, ma nonostante ciò le composizioni sono abbastanza incolori e sanno quasi tutte di già sentito. I brani migliori sono senza dubbio l’accoppiata centrale formata da “House Of The Setting Sun” e “Behind The Green Door”: la prima cerca di recuperare quel flavour psichedelico e goticheggiante che caratterizzava il magnifico “A Crimson Cosmos”, riuscendoci solo in parte e non raggiungendo mai quella leggiadria e quella grazia, mentre la seconda è una dark song che metallizza impercettibilmente il lavoro dei Sister Of Mercy. Un altro tentativo (fallito) di ripescaggio nel passato è fatto con “Out Of Control”, dove alcune linee melodiche possono portare alla mente ancora “A Crimson Cosmos”. Tolti questi brani, praticamente sfidiamo chiunque a riconoscere i Lake Of Tears; tra velleità vicine al death (“Midnight Madness”), al thrash (“The Hating”, “Parasites”) o alla NWOBHM (“Taste Of Hell”) stentiamo davvero a capirci qualcosa. “Floating In Darkness” azzecca qualche melodia semplice, la title track perlomeno bazzica territori piuttosto moderni, ma vicini a sensazioni gotiche; poi davvero più nulla. I brani sono composti da gente capace, lo si capisce subito, ma non riescono mai a portare l’affondo decisivo, rimanendo appesi in un limbo che sa di derivativo e di scontato. Non erano questi i Lake Of Tears che ricordavamo: pare che dopo “The Neonai” i ragazzi abbiano quasi paura ad osare nuovamente e preferiscano battere sentieri sicuri. Speriamo vivamente che Daniel Brennare e soci si accorgano quanto prima di quanto “sbagliato” suoni “Illwill” e tornino a stupirci come già hanno fatto in passato.

TRACKLIST

  1. Floating In Darkness
  2. Illwill
  3. The Hating
  4. U.N.S.A.N.E.
  5. House Of The Setting Sun
  6. Behind The Green Door
  7. Parasites
  8. Out Of Control
  9. Taste Of Hell
  10. Midnight Madness
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.