LAND OF DAMNATION – Demon

Pubblicato il 12/05/2018 da
voto
6.5
  • Band: LAND OF DAMNATION
  • Durata: 00:26:13
  • Disponibile dal: 01/12/2017
  • Etichetta:
  • Distributore:

Nati nell’estate del 2014, i Land Of Damnation sono una formazione napoletana dalle radici che affondano nelle sonorità più classiche. Il loro stile, infatti, raccoglie al suo interno diverse influenze, che partono dal classic metal, a cui si aggiungono toni più cupi e minacciosi, di provenienza thrash metal (soprattutto di scuola europea) e melodic death. Dopo i primi anni di assestamento, la band partenopea inizia il suo percorso discografico con un primo EP autoprodotto, intitolato “Demon”, che fotografa la loro personalità musicale. Basta ascoltare il primo pezzo, “Land Of Damnation”, per capire le coordinate su cui si muovono questi ragazzi: si percepisce una passione smodata per i Maiden (d’altra parte, come potrebbe essere diversamente quando i due membri principali si fanno chiamare Adrian Peppe “Smith” e Dark Tranquillo J. Murray?); riff priestiani fanno capolino in più di una occasione, mentre la voce si assesta su uno stile ruvido ed energico. La band di Steve Harris caratterizza in molti passaggi il sound dei Land Of Damnation, come nelle chitarre gemelle della cavalcata “Tearing The Veil”, o nello stacco centrale di “Die”, che fa tanto “Hallowed Be Thy Name”. Interessante, infine, l’utilizzo che fa la band delle sue influenze più oscure e sinistre: dal growling, passando per le contaminazioni death metal e thrash. Episodio particolarmente riuscito, in questo senso, è la conclusiva “Harmònia”, che alterna luci ed ombre per un brano articolato e sfaccettato. Un buon biglietto da visita, dunque, che deve essere un punto di partenza per crescere e migliorarsi, staccandosi il più possibile dalle influenze più palesi, sviluppando sempre di più un equilibrio tra le proprie radici e una personalità maggiormente definita.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Land Of Damnation
  3. Tearing The Veil
  4. Die
  5. Harmónia
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.