LASTER – Het Wassen Oog

Pubblicato il 12/04/2019 da
voto
5.5
  • Band: LASTER
  • Durata: 00:44:21
  • Disponibile dal: 05/04/2019
  • Etichetta: Prophecy Productions
  • Distributore: Audioglobe

Il terzo capitolo della discografia della band olandese prosegue lungo la strada lastricata di oscurità e lieve schizofrenia tracciata in precedenza. La band descrive la propria musica come ‘obscure dance music’, e in un qualche modo è realmente così. L’elemento danzereccio lo troviamo anche questa volta nelle ritmiche, che sanno di post-punk nella sua versione più moderna, quella che ha saputo rendere speciali band quali Arctic Monkeys e i primi Franz Ferdinand. Niente paura, l’elemento black metal resta fondamentale, grezzo e ruvido, mentre le aperture ‘post’ restano sempre entro confini oscuri e dissonanti, quasi assenti le melodie aperte solari, ad eccezione della conclusiva “Zinsbetovering” (fortunatamente).
La cifra avanguardistica e progressiva della band è mantenuta e sviluppata, com’è ben visibile in “Schone Schijn”. E’ difficile immaginare cosa porterà il prosieguo di ciascun brano, perché i frequenti cambi di tempo, l’inserimento di parti acustiche e i diversi registri vocali utilizzati rendono, insieme alla struttura fluida dei pezzi, davvero arduo individuare uno schema. Si tratta certamente di una caratteristica positiva in termini di capacità di mantenere viva l’attenzione, almeno in linea di massima, qui però la carne al fuoco è davvero molta e il focus è difficile se non impossibile da individuare. L’intero album segue queste coordinate taglienti, pazze e dissonanti, risultando faticoso e a tratti – ahimè – lievemente fastidioso perché inutilmente fracassone (“Blind Staren”).
L’impressione generale è che ci sia un po’ di confusione a livello di idee, e che la band abbia voluto osare troppo rispetto alle proprie capacità, anche se gli spunti interessanti, a volerli cercare, ci sono, ma si perdono nel marasma generale. Peccato.

TRACKLIST

  1. Vacuüm ≠ Behoud
  2. Schone Schijn
  3. Zomersneeuw
  4. Ondersteboven
  5. Haat & Bonhomie
  6. Blind Staren
  7. Weerworm
  8. Zinsbetovering
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.