LAY DOWN ROTTEN – Deathspell Catharsis

Pubblicato il 26/01/2014 da
voto
6.5
  • Band: LAY DOWN ROTTEN
  • Durata: 00:49:54
  • Disponibile dal: 27/01/2014
  • Etichetta: Apostasy Records
  • Distributore:

Il passaggio dalla gigantesca Metal Blade alla più familiare Apostasy Records non muta gli intenti dei Lay Down Rotten, sempre impegnati a divulgare il verbo del death metal europeo più quadrato e tradizionale. Non molto inclini ai compromessi, nè oggettivamente in grado di sfoderare chissà quale colpo di genio, i ragazzi tedeschi vanno sul sicuro e procedono con quello che è ormai il settimo full-length della loro carriera. Un traguardo invidiabile e per certi versi insperato, visto lo status underground del gruppo, che non è mai riuscito a sfondare al di fuori dei patri confini. “Deathspell Catharsis” propone quasi cinquanta minuti di suoni robusti che ancora una volta si rifanno un po’ ai vecchi Hypocrisy, un po’ agli Edge Of Sanity degli inizi e un po’ ai Bolt Thrower. Un death metal di matrice europea tutto sommato standard, quindi, su cui la band cerca talvolta di ricamare qualche sprazzo più melodico e “swedish”, senza però mai sfociare del tutto in ambienti melodic death metal. Difatti, questa volta i midtempo presentano un non so che di slayeriano, ennesima indicazione che i Nostri sono “metallari” tutto d’un pezzo e refrattari a concedersi a soluzioni ai loro occhi troppo frivole. Difficile comunque dire se “Deathspell Catharsis” sia più o meno riuscito di un “Mask Of Malice”: la band non commette mai clamorosi passi falsi, ma al tempo stesso di rado confeziona delle vere e proprie perle. In effetti, potremmo riassumere in questo modo l’intera carriera dei Lay Down Rotten, musicisti certamente genuini e capaci, ma non dei fuoriclasse. “Deathspell…” presenta canzoni valide accanto ad altre un po’ scontate e dà l’impressione di vivere di momenti più che di un songwriting solido e sicuro; l’ascolto, alla fine dei conti, risulta ugualmente gradevole, ma ancora una volta ci sembra poco probabile che i ragazzi riescano nell’impresa di lasciare un segno al di fuori della loro cerchia di fedelissimi.

TRACKLIST

  1. Cassandras Haunting
  2. Deathspell Catharsis
  3. Schädelberg
  4. The Fever
  5. Release Into Nothingness
  6. Zombiefied Electrified
  7. Among the Ruins of a Once Glorious Temple
  8. Infernal Agony
  9. Blood on Wooden Crosses
  10. Blasphemous Rituals for the Perverted Flesh
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.