LECTERN – Precept of Delator

Pubblicato il 05/11/2016 da
voto
6.5
  • Band: LECTERN
  • Durata: 00:36:54
  • Disponibile dal: 23/09/2016
  • Etichetta: Via Nocturna
  • Distributore:

Ad appena un anno di distanza dal precedente “Fratricidal Concelebration”, tornano all’assalto i Lectern con il loro death metal in salsa blasfema e luciferina. Dodici mesi che non hanno affatto scalfito la passione del quartetto capitolino per i suoni e le atmosfere plasmati un paio di decenni fa lungo le coste soleggiate della Florida, sebbene sia giusto sottolineare come “Precept of Delator” – rilasciato dalla piccola etichetta polacca Via Nocturna – presenti un afflato thrash più consistente e marcato rispetto a quello del debutto, dall’indole decisamente live. In effetti, i brani della tracklist si muovono per lo più su ritmiche cadenzate, che pongono in primissimo piano la rocciosità delle ritmiche e la potenza del riffing, con la componente iconoclasta (leggasi pure parentesi selvagge e blast beat) in leggera disparte dal resto. Dei Nostri, continua a piacere l’evidente attaccamento a certi ideali di death metal, la capacità di rievocare l’aria satura di zolfo e lamenti di un “Legion” o di un “Covenant”, lambendo in episodi come “Fluent Bilocation” e “Garn for Debitors” livelli di coinvolgimento piuttosto elevati. Curato come sempre anche l’aspetto formale (basti pensare alla produzione di Giuseppe Orlando o all’artwork che incornicia l’opera), eppure… eppure non tutto quadra, nei trentasei minuti di “Precept…”. Un vago senso di incompiutezza che rintraccia in un guitar work non sempre al top della forma la sua causa principale, da cui scaturiscono passaggi un po’ troppo scolastici e macchinosi (“Palpation of Sacramentarian”, l’opener “Gergal Profaner”). Va da sé comunque che parliamo di increspature in un quadro generale altrimenti confortante; da musicisti esperti e fan incalliti quali sono, i Lectern portano abbondantemente a casa la promozione (che per chi vive con il santino di Glen Benton nel portafoglio potrebbe trasformarsi in piccolo ‘must have’), confermandosi una solida realtà dell’underground tricolore. Avanti così, con un occhio di riguardo per la fluidità di alcune strutture.

TRACKLIST

  1. Gergal Profaner
  2. Palpation of Sacramentarian
  3. Fluent Bilocation
  4. Distil Shambles
  5. Pellucid
  6. Diptych of Perked Oblation
  7. Garn for Debitors
  8. Precept of Delator
  9. Discorporation with Feral
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.