LED ZEPPELIN – How The West Was Won

Pubblicato il 05/06/2003 da
voto
9.0
  • Band: LED ZEPPELIN
  • Durata: 02:30:27
  • Disponibile dal: 27/05/2003
  • Etichetta: Atlantic Records
  • Distributore: Warner Bros

Sebbene questa registrazione abbia visto la luce solo nel 2003, “How The West Was Won” rappresenta la fotografia dei Led Zeppelin in uno dei momenti di loro massimo splendore. Siamo nel 1972 e il quartetto è impegnato in una mastodontica tournèe americana, una delle migliori in assoluto, secondo il parere stesso di Jimmy Page. D’altra parte, come dare torto al chitarrista di fronte ad uno spettacolo che rasenta semplicemente la perfezione? Registrato in due date (il 25 giugno al Los Angeles Forum e il 27 giugno alla Long Beach Arena) “How The West Was Won” è il miglior documento dal vivo pubblicato dai Led Zeppelin, l’unica uscita ufficiale che riesce a rendere pienamente cosa potesse significare assistere ad un intero concerto di una delle più grandi live band di tutti i tempi. Due ore e mezza di musica, suddivisa in tre dischi, che mostrano come lo show di Page e compagni fosse un’esperienza totale, capace di attraversare uno spettro amplissimo di sensazioni e stili diversi. L’assalto iniziale di “Immigrant Song”, “Heartbreaker” e “Black Dog” non fa prigionieri, mettendo in chiaro fin da subito la deflagrante potenza dei Led Zeppelin. Al tempo stesso, però, nel concerto trovano spazio molti altri colori: quelli caldi ed avvolgenti del blues di “Since I’ve Been Loving You” o della conclusiva “Bring It Home”; quelli morbidi e tenui delle chitarre acustiche, da “That’s The Way” a “Going To California”, fino all’inno immortale di “Stairway To Heaven”. E ancora il delirio psichedelico di “Dazed And Confused”, dilatata fino a venticinque minuti di durata, con Page ad imperversare con l’archetto sulla sua chitarra, scaraventando il pubblico in un viaggio sulfureo e lisergico; oppure la selvatica e primordiale magia delle pelli di Bonzo, percosse senza tregua nel lungo assolo di “Moby Dick”; per arrivare al sensuale e liberatorio medley di “Whole Lotta Love”, che accoglie al suo interno alcuni classici del rock’n’roll e del rhythm & blues. La band è in una forma semplicemente strepitosa e la perfetta alchimia tra le quattro personalità trasformano lo show in uno di quei rari casi in cui ogni tassello cade esattamente al posto giusto, non per costruzione o pianificazione, ma con una naturalezza che rasenta il misticismo. “How The West Was Won” è un documento eccezionale, imperdibile per i molti appassionati che non hanno potuto vivere questa meravigliosa stagione in prima persona. Se cercate un punto di partenza per iniziare a conoscere la grandezza dei Led Zeppelin, questa maestosa registrazione potrebbe essere un’eccellente primo passo.

TRACKLIST

  1. LA Drone
  2. Immigrant Song
  3. Heartbreaker
  4. Black Dog
  5. Over the Hills and Far Away
  6. Since I've Been Loving You
  7. Stairway to Heaven
  8. Going to California
  9. That's the Way
  10. Bron-Yr-Aur Stomp
  11. Dazed and Confused
  12. What Is and What Should Never Be
  13. Dancing Days
  14. Moby Dick
  15. Whole Lotta Love Medley
  16. Rock and Roll
  17. The Ocean
  18. Bring It On Home
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.