LEGION OF THE DAMNED – Ravenous Plague

Pubblicato il 01/01/2014 da
voto
6.5
  • Band: LEGION OF THE DAMNED
  • Durata: 00:45:01
  • Disponibile dal: 07/01/2014
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

L’eclettismo non è certo la dote principale dei Legion Of The Damned. Gli album pubblicati sinora, compreso il nuovo “Ravenous Plague”, del resto parlano chiaro: songwriting che più diretto non si può, variazioni minime, fedeltà alla causa thrash (con sparuti elementi death) a dir poco inamovibile. Nati dalle ceneri degli Occult nel pieno del revival thrash metal dei primi anni Duemila, i Nostri sono diventati quasi subito un nome di sicuro affidamento per tutti i fan di quel metallo semplice e da headbanging che regolarmente spopola soprattutto nel territorio tedesco. La capacità di saper scrivere buone canzoni ha talvolta fatto uscire il gruppo olandese dalla ristretta operazione di revival/retromania per pochi, proiettandolo su palcoscenici più prestigiosi, ma alla lunga il ruolo dei Nostri si è ben delineato: i Legion Of The Damned non saranno mai dei leader; piuttosto, è il caso di vederli come quella realtà esperta in grado di consolidare una scena senza ricorrere ai cosiddetti salti mortali. Una figura come quella dei vicini di casa Dew-Scented, per fare un esempio restando in ambito thrash-death: una band in giro da una vita che puntualmente sforna dischi, appaga i fedelissimi e mantiene viva la fiamma. Questo preambolo per dire che ormai è oggettivamente difficile sorprendersi all’ascolto di una nuova opera dei Legion Of The Damned: “Ravenous Plague” è anzi forse il platter più prevedibile della storia del quintetto. Ascoltando il disco, vengono subito a galla sia qualche autocitazionismo di troppo, sia i limiti intrinseci di una formula – Slayer + Kreator – che ormai è davvero stata esplorata in lungo e in largo. Un brano come “Morbid Death”, ad esempio, è una plateale fiera della banalità, tra titolo e riff. Ciò nonostante, è altrettanto vero che si rintracciano anche i soliti buoni numeri di marca LOTD: come accennato, il gruppo ha quasi sempre goduto di innata competenza e di un’ispirazione almeno discreta e quindi anche qui è possibile scovare dei frutti apprezzabili. In particolare, Maurice Swinkels e soci continuano a dimostrarsi abili nel costruire chorus che risultino di facile presa anche in un contesto estremo. Là dove manca quel dinamismo tipico di giovani come Violator o National Suicide, si percepisce insomma lo sforzo per caratterizzare un minimo i singoli brani e per rendere la tracklist un pelo più digeribile. Chiaramente, si tratta di dettagli che solo i veri conoscitori dei Legion Of The Damned saranno in grado di riconoscere, tuttavia è giusto sottolinearli. “Ravenous Plague”, in definitiva, è dunque l’ennesimo solido mattone di una carriera onesta e ormai a dir poco avviata: un tipico album per fan, sempre più volto a consolidare più che ad esplorare.

TRACKLIST

  1. The Apocalyptic Surge
  2. Howling for Armageddon
  3. Black Baron
  4. Mountain Wolves Under a Crescent Moon
  5. Ravenous Abominations
  6. Doom Priest
  7. Summon All Hate
  8. Morbid Death
  9. Bury Me in a Nameless Grave
  10. Armalite Assassin
  11. Strike of the Apocalypse
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.