LEGION OF THE DAMNED – Slaves of the Shadow Realm

Pubblicato il 09/01/2019 da
voto
6.0
  • Band: LEGION OF THE DAMNED
  • Durata: 00:45:49
  • Disponibile dal: 04/01/2019
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Passano gli anni, quattordici per la precisione, ma la voglia di non-cambiare dei Legion Of The Damned è rimasta immutata e inattaccabile. Certamente un pregio se i lavori prodotti in questo lasso di tempo, sempre per la cronaca siamo arrivati a sette, avessero qualità tali da renderli quantomeno degni di essere menzionati (“Cult Of The Dead” escluso). Ma purtroppo così non è. Se da una parte non vi sono dubbi circa l’encomiabile coerenza del gruppo guidato da Maurice Swinkels, garanzia assoluta di riff a raffica per un più che dignitoso mix di thrash and death, dall’altra è d’obbligo segnalare l’ennesimo colpo andato a vuoto, o quantomeno ‘a salve’ sparato sulla folla dalla band olandese. Anche con il qui presente “Slaves Of The Shadow Realm” siamo infatti di fronte al tanto agognato ‘vorrei ma non posso’: i mezzi ci sono tutti, il sound è ben collaudato, ognuno ha ben chiaro cosa deve fare ma, a parte questo, non vi sono spunti essenziali che portino a bollare questo nuovo album con il più classico degli ‘…oh, era ora‘. Anche stavolta manca quell’ultima detonazione per fare il botto definitivo; sembra quasi che i quattro di Helden si accontentino del compitino, senza prendersi alcun rischio di troppo. Sicuramente questa formula garberà agli amanti delle stilettate in serie ‘senza se e senza ma’ tuttavia, ripetiamo, d’interessante in questa nuova release c’è proprio pochino: un’estenuante macinazione di riff spacca-collo che, alla lunga, scade in un ritmo vertiginoso al limite della monotonia . Da salvare, oltre all’attitudine generale dell’intero full-length, segnaliamo l’opener “The Widows Breed”, di notevole impatto, “Shadow Realm Of The Demonic Mind” e “Azazels Crown”, bonus track insieme a “Priest Hunt”. Il resto, duole ammetterlo, entra di diritto alla voce del già sentito, del ‘si poteva fare di più’. C’è quindi un pizzico di rammarico nel sentire che anche questa occasione è andata in qualche modo perduta: cinque anni non sono bastati ai Legion Of The Damned per dare un minimo di svolta al loro stile monolitico, e soprattutto monotematico. Alla prossima cari olandesi e buon anno!

TRACKLIST

  1. The Widows Breed
  2. Nocturnal Commando
  3. Charnel Confession
  4. Slaves of the Southern Cross
  5. Warhounds of Hades
  6. Black Banners in Flames
  7. Shadow Realm of the Demonic Mind
  8. Palace of Sin
  9. Priest Hunt
  10. Azazels Crown
  11. Dark Coronation
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.