LELAHELL – Alif

Pubblicato il 04/09/2018 da
voto
5.5
  • Band: LELAHELL
  • Durata: 00:40:40
  • Disponibile dal: 15/06/2018
  • Etichetta: Metal Age Productions
  • Distributore:

“Alif”, secondo disco degli algerini Lelahell, è caratterizzato da due fattori che a scanso di equivoci ne limiteranno l’impatto sul pubblico. Il primo è quello di uscire con dieci/quindici anni di ritardo rispetto al periodo d’oro del metal estremo ‘etnico’ capeggiato da Nile e Melechesh, quando bastavano un paio di fraseggi in salsa mediorientale per vendere centinaia di copie e suonare sui palchi di happening anche molto importanti come il Wacken o il Summer Breeze (basti pensare alla meteora Nervecell). Il secondo, forse ancora più rilevante, è di non godere dell’ispirazione e della verve necessarie a spiccare sulla massa, configurandosi come un’opera sì curata ma anche piuttosto anonima. Il polistrumentista Redouane Aouameur – cuore pulsante del progetto che per le parti di batteria del suddetto album si è affidato a niente di meno che Hannes Grossman (Alkaloid, Hate Eternal, ex-Obscura) – nutre chiaramente una forte fascinazione verso certe sonorità, eppure di rado riesce a celebrarle in modo ottimale, finendo in una sorta di impasse creativo già dopo pochi minuti dall’inizio dell’ascolto. I riff, nel loro muoversi tra coordinate death metal americane e lievi influssi black/thrash, mancano del tiro assassino dei big e dei loro migliori epigoni; i cambi di tempo non suonano granché fluidi, mentre l’animo melodico – sulla carta ciò che dovrebbe conferire esoticità alla proposta – è ormai datato e prevedibile, in un fluire di atmosfere arabeggianti prese di peso dai vari “Emissaries” e “The Epigenesis”. Va da sé che, a patto di non essere tra coloro che girano con il santino di Ashmedi nel portafoglio, difficilmente i brani di “Alif” vi metteranno KO. Prendetene atto.

TRACKLIST

  1. Paramnesia
  2. Ignis Fatuus
  3. Thou Shalt Not Kill
  4. Ribat Essalem
  5. Adam the First
  6. The Fifth
  7. Insiraf / Martyr
  8. Litham (The Reach of Kal asuf)
  9. Parasits
  10. Impunity of the Mutants
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.