LIFVSLEDA – Sepulkral Dedikation

Pubblicato il 29/03/2022 da
voto
7.0
  • Band: LIFVSLEDA
  • Durata: 00:38:56
  • Disponibile dal: 01/04/2022
  • Etichetta:
  • Norma Evangelium Diaboli

Spotify:

Apple Music:

Qualche tempo fa, il nuovo seme discografico dei Lifvsleda è stato gettato fra i solchi di un terreno antico, un campo nero e fiorente, arato e coltivato sin dagli anni Novanta. Ora il seme è finalmente germogliato, si chiama “Sepulkral Dedikation”: dannatamente malvagio e velenoso, semplicemente black metal. La band svedese, nuova recluta dell’esercito musicale dell’etichetta Norma Evangelium Diaboli, propone un black che suona moderno pur specchiandosi nel suo stesso passato. Dietro al microfono si nasconde Sigward (ex Negromancy) che, sotto il moniker Lifvsleda, ha già pubblicato un full-length (“Det besegrade lifet”) ed un omonimo EP in soli tre anni di attività. Il nuovo album è come un relitto incastonato fra i ghiacci che ritrova la luce dopo anni di buio ed immobilità: gelido e grezzo, avvolto da un’aura di mistero. “Sepulkral Dedikation” è un inno al black metal scandinavo, scandito da un’impavida violenza e trame eroiche che perpetuano fra i sentieri circolari del disco. Negli otto brani scritti dai Lifvsleda si possono percepire le influenze sonore dei connazionali Sorhin, dei vicini Darkthrone e, se non bastasse, inoltrandosi nella caverna di “Lifvspänn” è impossibile non imbattersi nel conte Burzum. I Nostri non si fermano ai soliti blast beat investiti da una burrasca di riff taglienti, nel corso del disco i musicisti modernizzano il proprio sound attraverso un dinamismo musicale che vede variazioni ritmiche e dei mantra tanto epici quanto oscuri. In questa diabolica miscela sonora è facile intravedere il ghigno dei Mgla che appare e scompare nel buio di “Likbälet”, uno dei brani migliori di tutto il lotto dove le lacrime sembrano congelarsi nel cuore di un’atmosfera mistica. Se dovessimo trovare un difetto a “Sepulkral Dedikation” starebbe nella produzione: come da copione i suoni restano sporchi e primitivi ma la voce viene castigata in un circolo infernale inferiore nel quale viene annientata gran parte della sua potenza.
Obiettivamente i Lifvsleda rilasciano un album più che buono, mantenendo alti gli standard del black metal attuale grazie alle ottime capacità compositive. “Sepulkral Dedikation” non sarà il disco dell’anno ma offrirà agli appassionati quaranta piacevoli minuti che, come un treno, corrono spediti sui binari della malvagità trasportando un carico di rabbiose sonorità raffinate. Non ci sono stazioni, soltanto un’unica fermata nella parte più buia del vostro subconscio.

TRACKLIST

  1. Sändebudet
  2. Lifvspänn
  3. Djefvulen
  4. Hädankallad
  5. Likbålet
  6. Dödspredikanten
  7. Evigheten
  8. Kallet
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.