LIGHT THE TORCH – Revival

Pubblicato il 20/03/2018 da
voto
7.5
  • Band: LIGHT THE TORCH
  • Durata: 00.42.15
  • Disponibile dal: 30/03/2018
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Qualche anno fa Howard Jones, ai tempi a fianco di Adam D per un’intervista di una nuova uscita targata Killswitch Engage, si riferì ad una nuova composizione come “uno dei pezzi più gay che io abbia mai scritto”, nel tipico umorismo che contraddistingue la strana coppia. Sono passati almeno dieci anni e Hojo ne ha passate parecchie, lasciando i KSE e lanciando i Devil You Know una volta ritrovata la salute fisica e mentale. Per qualche sfiga legale, i Devil You Know oggi si chiamano Light The Torch: qual migliore occasione per rinnovare il suono e dar libero sfogo ad una delle caratteristiche migliori del frontman, andando a superare sé stesso nella sfera melodica che ha dimostrato di saper padroneggiare in passato? Abbiamo l’occasione di godere delle grandissime aperture melodiche che hanno reso “The End Of Heartache” e “As Daylight Dies” dei grandi successi, rinunciando alle urla anche nelle strofe. Il primo estratto “Calm Before The Storm” ha fatto intuire le coordinate del disco con ritmi parzialmente sostenuti, qualche urla e qualche coro energico nel pre-chorus, ma è il secondo singolo, l’anthem “Die Alone”, a rappresentare l’apice del disco e riportare il frontman su livelli altissimi, ritrovando la sintonia con chi ha amato follemente “A Bid Farewell”, “Rose Of Sharyn” e “My Curse”. Ottima anche “The Safety Of Disbelief”, in equilibrio perfetto tra sing-along da cantare a squarciagola e ripetere all’infinito e riff rotondi e gustosi – per non farci dimenticare che Francesco Artusato non è solo un ottimo shredder ma, in primis, un grande chitarrista. Tre incredibili pezzi di metalcore da classifica quindi, ma il resto? Tutto ben sopra la sufficienza, ci vien da dire, con qualche picco che sfiora i pezzi menzionati, una cura maniacale negli arrangiamenti e le parti heavy di “Virus”, “Bitter End” e “The Sound Of Violence” quasi fuori luogo per la violenza dirompente. Senza tirarla troppo per le lunghe, “Revival” è migliore dei precedenti capitoli targati Devil You Know perché contiene alcune delle migliori performance vocali di sempre targate Howard Jones, un vocalist che ha segnato la storia del metalcore anni 0 ed è riuscito a fare una cover ben riuscita di “Holy Diver”. Per moltissimi sarà un grande piacere ascoltarlo.

TRACKLIST

  1. Die Alone
  2. The God I Deserve
  3. Calm Before the Storm
  4. Raise the Dead
  5. The Safety of Disbelief
  6. Virus
  7. The Great Divide
  8. The Bitter End
  9. Lost in the Fire
  10. The Sound of Violence
  11. Pull My Heart Out
  12. Judas Convention
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.