LIQUIDO DI MORTE – | | | |

Pubblicato il 15/10/2019 da
voto
7.5
  • Band: LIQUIDO DI MORTE
  • Durata: 00:40:29
  • Disponibile dal: 11/10/2019
  • Etichetta:
  • Distributore:

Fedele alla sua infedeltà a qualunque etichetta, il Liquido Di Morte torna tra noi con un album ancora una volta completamente strumentale; un aspetto che però, nel loro caso, non toglie per nulla ricchezza e varietà all’ascolto. Le cinque tracce che compongono il lavoro coprono infatti un ampio spettro dove, rispetto a una generica ispirazione post rock/post metal da sempre presente, esplode con forza il retaggio del krautrock anni Settanta, declinato in una totale libertà espressiva. Chitarre robuste, tastiere, una sezione ritmica corposa anche nei momenti più rarefatti, fanno di “||||” il loro album più eterogeneo, sebbene non si perda mai di vista un fil rouge compositivo personale; ben riconoscibile sia nelle cavalcate più trascinanti, che nei momenti più liquidi e dilatati. Si decolla subito verso lidi interstellari con il singolo “Uomo Fa Cibo”, la cui conturbante cupezza prende nuove declinazioni nella successiva “Strateron 2323”: in questo brano prende corpo un gusto retrò di altra natura, tra darkwave anni Ottanta e synthwave odierna, senza cedere in piaggeria sempliciotta, con una potenza che può ricordare anche le fughe strumentali più ricercate dei Muse – e non ce ne abbia la band milanese per il riferimento così mainstream. “Tramonto Nucleare” funge quasi da inatteso intermezzo dall’anima più rock, quasi heavy psych, prima dei due brani conclusivi, dove la band dà il meglio di sé; i venti minuti finali si configurano come una suite in due parti, sospesa tra delicati arpeggi, tappeti corposi di sintetizzatori quasi prog e un’atmosfera tra il gotico e l’etereo di gran gusto. Una sorta di rivisitazione dei Cocteau Twins in chiave strumentale, affascinante e avvolgente. I passi in avanti compiuti in questo terzo full length sono stati notevoli, e da parecchio tempo non ascoltavamo un album strumentale così conturbante e stimolante. Piccola nota: l’album, stampato in 300 copie complessive tra vinile e compact disc, prevede altrettante copertine differenti, realizzate a mano; per una band che fa del DIY e della creatività senza confini i suoi punti di forza, ci pare un elemento di plauso e una manifestazione di amore verso i fan da sottolineare e premiare.

TRACKLIST

  1. Uomo Fa Cibo
  2. Strateron 2323
  3. Tramonto Nucleare
  4. Rebus (6,5)
  5. The Fattening
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.