LIVIDITY – Perverseverance

Pubblicato il 02/12/2018 da
voto
7.0
  • Band: LIVIDITY
  • Durata: 00:35:54
  • Disponibile dal: 30/11/2018
  • Etichetta: Metal Age Productions
  • Distributore:

Per gli estimatori del filone ‘brutal’ a stelle e strisce, quello dei Lividity era un ritorno molto atteso e chiacchierato. Ben nove anni separano il nuovo “Perverseverance” dal precedente “To Desecrate and Defile”, un lasso di tempo enorme che, sulla carta, avrebbe potuto coincidere tanto con una debacle totale quanto con una ricerca di nuove (e non richieste) forme di espressione. Nulla di tutto ciò per fortuna si è verificato nei solchi di questo lotto di brani, il quale sceglie di battere l’ormai familiare strada dell’eccesso e del pessimo gusto – basti dare uno sguardo ai titoli – alla luce di una scrittura mai così affinata e costante. Nessuna rivoluzione sul piano stilistico, quindi, per un sound ancora una volta legato alle barbarie di Cannibal Corpse e Broken Hope e dedito in ogni suo sviluppo alla furia più cieca, quanto piuttosto una maggiore cura per i dettagli, evidente sia a livello di forma che di contenuti. La produzione è senza dubbio la migliore nella carriera della band, e a questa si affianca un songwriting compattissimo che, pur nella sua stoica aderenza alla causa della nefandezza, riesce a non impantanarsi nella monotonia e nella tediosità di alcuni esponenti del (sotto)genere; il riffing energico e muscolare della coppia d’asce, l’incedere ritmico distribuito fra accelerazioni grindcore e parentesi melmose, gli incalzanti ‘botta e risposta’ delle tre voci coinvolte, sono l’emblema di una tracklist che intende macellare tutto e tutti facendo però leva sulla varietà e sul senso logico dei singoli episodi, lungi dall’essere un mero ammasso di urla e chitarre informi. In definitiva, anche se il vero talento risiede altrove, “Perverseverance” è e resta una piacevole alternativa al repertorio dei cosiddetti maestri. Il frutto di una band genuinamente ispirata che, da vent’anni a questa parte, è da annoverare tra le certezze dell’underground death metal statunitense.

TRACKLIST

  1. Kill Then Fuck
  2. The Pussy Horde
  3. Meat for the Beast
  4. Cumming with Labial Pulp
  5. Whore Destroyer
  6. Bitch Cunt Fuck
  7. Violated in the Vatican
  8. Parasitic Infestation
  9. Something's Dead
  10. Tampered Flesh
  11. Pussy Lover-Salvation
  12. Perverseverance
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.