LOGIC OF DENIAL – Atonement

Pubblicato il 17/02/2013 da
voto
7.0
  • Band: LOGIC OF DENIAL
  • Durata: 00:40:08
  • Disponibile dal: 12/02/2013
  • Etichetta: Comatose Music
  • Distributore:

Se siete in cerca di novità, nel senso di innovazione, sperimentazione o “cose strane”, allora voltate pagina, in quanto sono gli stessi Logic Of Denial a chiarire, da subito, la questione, con una “Reek Of Perpetual Infamy” che, già dal titolo, promette cattiveria, rivelandosi poi uno dei brani più serrati e avvolgenti del disco. Tutto il resto dovrebbe svilupparsi di conseguenza, ma è davvero così? La tesi iniziale non si dimostra certo lontana dalla realtà, in quanto tutto “Atonement” affonda le proprie radici dentro sonorità e tecniche tipicamente death metal dei giorni nostri, con le sue robuste ritmiche e il growling immutabile, ma è anche vero che l’approccio piuttosto moderno e cangiante alla materia fa sì che talvolta il risultato finale sia diverso dalla mera somma delle parti: più varietà, più intensità, più dinamismo. Con lievi pennellate di melodia a fare da contorno. Si può trovare, quindi, una trascinante “Weeping Upon Repugnance”, dal riuscito finale rallentato, accanto ai toni tesissimi di “Behold The Throne Of Torture”, dove in verità il gruppo scade un po’ in soluzioni “brutal” abbastanza piatte. In generale, troviamo molto più validi gli episodi in cui i Logic Of Denial sfoderano ritmiche più ragionate e interessanti piccoli effetti “sotto-traccia”, ad arricchire l’arrangiamento. Quando osano di più, come in “Sepsis” o “Despondency”, il prodotto è infatti molto buono: suoni distorti ma sospesi e, di conseguenza, più atmosfera. Insomma, viste le premesse iniziali, ci si aspettava qualcosa di più “rigido” e catalogabile, mentre in realtà il lavoro, almeno musicalmente, offre varietà pur mantenendosi fra le coordinate sopracitate: nessuna rivoluzione, ma nemmeno il tedio che a volte può intervenire quando si parla di death metal molto quadrato, pesantemente influenzato da Nile e classici Morbid Angel. Un disco dunque piacevole, con qualche perdonabile momento di stanchezza (soprattutto nel comparto vocale) e di già sentito; tuttavia, ripetiamo, qui nessuno voleva “farlo strano” e il disco nell’insieme regge benissimo grazie al buon gusto negli arrangiamenti e all’impegno della band. Una prova più matura del debut – come del resto tutti i secondi album dovrebbero essere! – che palesa ulteriormente le doti dei Logic Of Denial, i quali ora potranno permettersi di iniziare a inseguire affermate realtà di casa come Hour Of Penance e Antropofagus.

TRACKLIST

  1. Reek Of Perpetual Infamy
  2. Weeping Upon Repugnance
  3. Behold The Throne Of Torture
  4. Vile Blessing Prelude
  5. The Ravenous Patterns (Of Oblivion)
  6. Sepsis
  7. Catharsis Through Ungodly Annihilation
  8. Apocrypha
  9. Oracles Of Iniquity
  10. Ecthra
  11. Despondency
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.