LORDI – Monstereophonic (Theaterror Vs. Demonarchy)

Pubblicato il 20/09/2016 da
voto
7.0
  • Band: LORDI
  • Durata: 01:04:19
  • Disponibile dal: 16/09/2016
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Ad un paio d’anni di distanza dalla pubblicazione dell’ottimo, ma tutto sommato prevedibile, “Scare Force One”, i Lordi hanno saggiamente avvertito la necessità di prendersi qualche rischio in più, onde evitare di assumere i connotati di una triste autoparodia mestamente avviata verso una pericolosa crisi di mezza età. Il make up e gli elaborati costumi ingombranti rimangono tuttora una caratteristica inamovibile dal gruppo scandinavo ma, in questa occasione, Mr. Lordi e soci si sono avventurati in un’inconsueta opera suddivisa in due atti. Il primo lato comprende sei episodi tradizionalmente orientati verso un hard rock di facile presa, soluzione che delizierà il palato del pubblico più oltranzista. Veniamo dunque travolti dalle frizzanti note sparate a mille dall’irresistibile anthem “Let’s Go Slaughter He-Man (I Wanna Be The Beast-Man In The Masters Of The Universe)”, mentre l’orrorifica “Down With The Devil” si palesa come l’ ennesimo tributo, indubbiamente ben concepito, offerto ai tanto idolatrati Kiss. Scoviamo altresì una marcata crepa compositiva all’altezza della singhiozzante “Hug You Hardcore”, furbo ‘footstompin’ pseudo industrial, che ricicla in maniera maldestra le brillanti idee plasmate da Alice Cooper all’epoca dell’innovativo “Brutal Planet”. Le inusuali sincopi ‘zeppeliniane’ musicate nella muscolare “Mary Is Dead” preludono al cambio di rotta intrapreso di lì a poco. La seconda facciata viene invece rappresentata da un semi-concept album caratterizzato da marcate tinte progressive, sovente esaltate da un’intricata architettura sonora meritevole lasciare a bocca aperta in più di un’occasione. La superba poliedricità di “Demonarchy” colpisce duro come un violento cazzotto in faccia, scaturito da un riffing circolare che rimanda addirittura agli statunitensi Nevermore. Gli schizoidi umori geometrici inchiostrati su “Heaven Sent Hell On Earth” e i tenebrosi paesaggi sonori presi in prestito da King Diamond su “And The Zombie Says” confluiscono entrambi in ritornelli di rara efficacia. Anche in questo lato del disco emergono inesorabilmente un paio di cadute di tono, rappresentate dalla fiacca sing-along “The Unholy Gathering” e dal cupo epitaffio cartoonesco affidato alla ridondante “The Night The Monsters Died”. In estrema sintesi “Monstereophonic (Theaterror Vs. Demonarchy)” è un buon disco di transizione, valorizzato da una manciata di intuizioni felici, meritevoli di accurato approfondimento nel prossimo futuro. Chi osa vince.

TRACKLIST

  1. SCG8: One Message Waiting
  2. Let’s Go Slaughter He-Man (I Wanna Be The Beast-Man In The Masters Of The Universe)
  3. Hug You Hardcore
  4. Down With The Devil
  5. Mary Is Dead
  6. Sick Flick
  7. None For One
  8. SCG VIII: Opening Scene
  9. Demonarchy
  10. The Unholy Gathering
  11. Heaven Sent Hell On Earth
  12. And The Zombie Says
  13. Break Of Dawn
  14. The Night The Monsters Died
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.