LOSTPROPHETS – Start Something

Pubblicato il 14/04/2004 da
voto
7.5
  • Band: LOSTPROPHETS
  • Durata: 00:53:39
  • Disponibile dal: 02/02/2004
  • Etichetta:
  • Columbia
  • Distributore: Sony

Spotify:

Apple Music:

Molto spesso la vita è curiosa e riserva delle sorprese che cambiano in meglio e in peggio la nostra esistenza. Ecco, prendete una nazione solitamente ai margini del mondo musicale come il Galles, rintracciate sei giovanotti con un background musicale che spazia dagli Anthrax a Dj Shadow, dai Metallica ai Police, producete loro il disco e scommettete che diverranno la rivelazione dell’anno. Voi ci avreste scommesso? Penso proprio di no, ma l’esperta e tentacolare Columbia Records ci ha creduto e questi ex anonimi musicisti hanno ripagato tale fiducia alla grande, tirando fuori dal cilindro due singoli che definire “spaccaclassifica” è un eufemismo. Sto parlando di “Burn Burn”, nota ai più per la sua presenza nel videogioco FIFA 2004 e “Last Train Home”, un brano impeccabile guidato da improvvise accelerazioni del batterista Mike Chiplin, che si spengono sul ritornello tremendamente catchy e riuscito. Molto buona anche la violenta opener “We Still Kill The Old Way”, caratterizzata dal corposo e spigoloso rifferama perpetrato da Lee Gaze e Mike Lewis. In “I Don’t Know” riaffiorano in superficie echi dei Police (Reggatta De Blanc era), mentre si torna a pigiare sull’acceleratore con la dura “We Are Godzilla You Are Japan”, che in più punti straborda in territori puramente hardcore. “Last Summer” invece è un brano molto melodico incentrato su un refrain molto arioso, sul quale il singer Ian Watkins mette in mostra le sue innegabili doti. Inoltre, il combo gallese arricchisce la propria proposta con intelligenti e mirate partiture elettroniche e campionamenti vari, che solitamente i colleghi statunitensi usano a tonnellate per rendere i brani maggiormente immediati e plasticosi, lasciando in secondo piano l’effettiva qualità delle composizioni. Chiunque ami il rock farcito di sonorità moderne non si lasci scappare questo lavoro, che ha il pregio di contenere una manciata di canzoni che si fanno ascoltare e riascoltare per tantissime volte senza subire l’usura del tempo. Nu metal? No, semplicemente grande musica, al di là di ogni etichetta.

TRACKLIST

  1. We Still Kill The Old Way
  2. To Hell We Ride
  3. Last Train Home
  4. Make A Move
  5. Burn Burn
  6. I Don't Know
  7. Hello Again
  8. Goodbye Tonight
  9. Start Something
  10. A Million Miles
  11. Last Summer
  12. We Are Godzilla You Are Japan
  13. Sway
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.