LYNYRD SKYNYRD – Live From Freedom Hall

Pubblicato il 18/08/2010 da
voto
7.5
  • Band: LYNYRD SKYNYRD
  • Durata: 01:19:36
  • Disponibile dal: 22/06/2010
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Universal

I Lynyrd Skynyrd vantano il triste primato di essere una della band piùsfortunate della storia del rock and roll, in quanto l’unico elementorimasto in vita della formazione originale è il chitarrista GaryRossington. "Live From Freedom Hall" rappresenta la fedele testimonianza della data registrata nell’omonima arena indoor a Louisville nelKentucky il 15 giugno 2007, che vede ancora la presenza dello storicotastierista Billy Powell e del bassista Ean Evans, entrambi scomparsi di malattia nel 2009. Nonostante le tristi vicissitudini che dal 1977 adoggi continuano a colpire incessantemente i ragazzoni di Jacksonville,Rossington & C. proseguono il loro cammino con caparbietà edeterminazione, virtù che emergono sin dai primi momenti del concertocon "Travelin’Man" nella quale il cantante Johhny Van Zant duettavirtualmente con il fratello maggiore Ronnie, mentre la ritmata "What’sYour Name" e la ruvida "Gimme Back My Bullets" rappresentano l’anima più sguaiata e festaiola degli Skynyrd. Il rock che propongono i nostri èda sempre fortemente intinto nel blues, caratteristica che emergepalesemente in "Simple Man" e "The Ballad Of Curtis Loew", ambeduetratte dall’eccellente debut datato 1973 e la più recente semi-ballad"Red White And Blue", che soltanto dal titolo trabocca patriottismoyankee al cento per cento. I tre chitarristi Gary Rossington, RickeyMedlocke (ex chitarrista e cantante dei meravigliosi Blackfoot) e MarkMatejka sono abili nel dividersi i ruoli, alternando con disarmantesemplicità e altrettanta bravura i fraseggi ritmici e con assoli pregnidi feeling. Notiamo inoltre con piacere che la sezione ritmica e letastiere ricoprono un ruolo di primo piano formando un muro di suonopieno ed omogeneo. Insieme al CD viene allegato come bonus il DVD cheripropone integralmente lo show di Louisville, fornendoci una confermavisiva sullo stato di grazia degli Skynyrd e, ovviamente, le hit "SweetHome Alabama" e "Freebird" vengono offerte alla fine della serata comeuno squisito dessert ad un pubblico che dal 1973 segue con fede edevozione un’istituzione del rock and roll, che ha il merito di nonessere mai scesa a compromessi con le tendenze del momento, mantenendoun’integrità artistica – assieme alla Allman Brothers Band e ai MollyHatchet – davvero encomiabile. Un mito intramontabile.

TRACKLIST

  1. Travelin' Man
  2. Workin'
  3. What's Your Name
  4. That Smell
  5. Simple Man
  6. Down South Jukin'
  7. The Needle And The Spoon
  8. The Ballad Of Curtis Loew
  9. Gimme Back My Bullets
  10. Tuesday's Gone
  11. Red White And Blue
  12. Gimme Three Steps
  13. Call Me The Breeze
  14. Sweet Home Alabama
  15. Free Bird
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.