LYNYRD SKYNYRD – Vicious Cycle

Pubblicato il 10/07/2003 da
voto
8.5
  • Band: LYNYRD SKYNYRD
  • Durata: 01:10:40
  • Disponibile dal: 10/07/2003
  • Etichetta: Sanctuary Records
  • Distributore: Edel

Sono passati trent’anni dal loro debut album, dopo aver passato tutto questo tempo on the road tra clamorosi alti (successi discografici, ed una manciata di brani come “Sweet Home Alabama”, che sono entrati di diritto nella storia del rock) e tremendi bassi (la morte del leader Ronnie Van Zant e Steve Gaines in un incidente aereo nel 1977, e il decesso del mitico bassista Leon Wilkenson), fino al ritorno in studio quattordici anni dopo la pubblicazione di “Street Survivors”, con “1991” e una serie di album che si sono susseguiti dagli anni Novanta sino ad oggi. I ragazzi della band non risentono affatto della vecchiaia, e ci regalano oggi un album intenso, ricco di emozioni, feeling e tanto divertimento. “That’s How I Like It” è un ottimo biglietto di presentazione per un disco che sinceramente non conosce cali di tono, grazie ad una ritmica molto groovy ed un ritornello accattivante. La spensierata “Pick Em Up” viene eseguita magistralmente dalla band, dove il sound dell honky tonk piano si fonde con quello dei fiati, che creano un contorno irresistibile per l’esplosivo refrain, esaltato dall’espressiva voce del singer, sorretta dalle splendide backing vocals delle coriste. La ballad “Red White & Blue” è a mio parere il capolavoro dell’album: inizia con un delizioso arpeggio acustico, accompagnato dal pastoso sound dell’organo, ove si inserisce la stupenda ed espressiva voce del singer, regalandoci un pezzo emozionante e che per chi scrive diventerà un’altra piccola gemma della discografia della band floridiana. Lo spazio per le ballad non si esaurisce, anzi, l’ottima “Hell Or Heaven”, pur non essendo dotata di un sound granitico è in grado di tenere alta la tensione, grazie all’enorme feeling di tutti i componenti del gruppo. “Mad Hatter” è una bluesy song che si stacca leggermente dalle altre risultando più cupa e sofferta, ma non per questo difficile da digerire. Stesso discorso vale per “Dead Man Walkin'”, gustoso blues infarcito di country, corredato dall’atmosfera da saloon tipico del far west, ideale colonna sonora per chi dovesse fare un viaggio nel sud degli Stati Uniti. Tutto il resto dell’album si snoda tra corposi mid tempo (“All Funked Up”), divertenti rock’n’roll song (“Sweet Mama”,”Rockin’Little Town”), e anthem da cantare a squarciagola (“Life’s Lesson”). Curiosa la reinterpretazione in chiave moderna di “Gimme Back My Bullets”, con Kid Rock come special guest, che sicuramente farà inorridire il 90% dei fan della band, cosa per cui ci si chiede a questo punto: si tratta di un doveroso tributo o di un imperdonabile sacrilegio? A voi il giudizio…

TRACKLIST

  1. That's How I Like It
  2. Pick Em'up
  3. Dead Man Walkin'
  4. The Way
  5. Red White & Blue
  6. Sweet Mama
  7. All Funked Up
  8. Hell Or Heaven
  9. Mad Hatter
  10. Rockin'Little Town
  11. Crawl
  12. Jake
  13. Life's Lesson
  14. Lucky Man
  15. Gimme Back My Bullets (ghost track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.