MACHINE HEAD – The Blackening

Pubblicato il 12/04/2007 da
voto
9.0
  • Band: MACHINE HEAD
  • Durata: 01:00:58
  • Disponibile dal: 13/04/2007
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

Il 2007 vede la pubblicazione del sesto album in studio dei Machine Head. Intenzionalmente è il disco a marchiare l’anno di uscita, poiché poche volte un’attesa tanto spasmodica viene premiata degnamente. Molti sono infastiditi a priori dagli accostamenti ai classici, ma accantonando i pregiudizi si può dichiarare che una delle personalità più forti, caparbie, testarde e laboriose della scena metal ha realizzato davvero il “suo” “Master Of Puppets”, proprio dopo la profetica cover di “Battery” per Kerrang Remastered. “The Blackening” è un rischio impensabile nell’era del singolo promozionale, soprattutto per una formazione che pochi anni prima è stata rifiutata da moltissime case discografiche anche con un brano concepito esclusivamente per le radio. E’ un disco migliore di “Through The Ashes Of the Empire” perché non cade nell’autocitazionismo e ha il coraggio di sfidare il sistema dell’industria e l’ascoltatore con soli otto pezzi, minuziosamente rifiniti, strutturati, smontati e rimontati fino alla perfezione come solo la lavorazione programmata di Robert Flynn – un artista che non lascia nulla al caso – poteva creare. Nell’opener “Clenching the Fists of Dissent” viene immediatamente mostrata, senza esitazione, la filosofia dell’intero album, in una cavalcata thrash metal imponente e variegata, imperniata sui classici riff deflagranti del gruppo, sempre modernissimi ma in una struttura insolitamente classica, simile alle lunghe cavalcate caratteristiche dei capolavori del thrash che fu. Il sodalizio Flynn-Demmel staziona su vette mai raggiunte in passato, e oltre a regalare fraseggi memorabili si prodiga, sempre nella traccia d’apertura, in un assolo incrociato semplicemente devastante. Sorprendentemente il gruppo riesce a dimostrare una complessità e una intelligenza compositiva – mai così abilmente sfoggiata – in contemporanea ad una sana e adolescenziale attitudine alla distruzione: ne è di esempio il “Fuck You All” di “Beautiful Morning”, la rabbia contro un giornalista di “Aestethic of Hate” (parlò con poco rispetto di Dimebag Darrel e definì cavernicoli i suoi fan) e quella contro tutti gli oppositori incontrati in una vita nella canzone più violenta dell’album, “Slanderous”. Cosa aggiungere infine sulla capacità di affascinare con melodie vocali notevoli (“Halo”)? Quello che tutti i fan della formazione aspettavano si è concretizzato, dimostrando il reale periodo rinascimentale di una formazione data per spacciata troppo presto, e che se non è riuscita a bissare lo stratosferico debutto ci è andata molto molto vicina. Si tratta in ogni caso di un disco diverso, a parere di chi scrive non paragonabile direttamente, ma egualmente imprescindibile: il migliore di questo giovane 2007.

 

TRACKLIST

  1. Clenching The Fists Of Dissent
  2. Beautiful Mourning
  3. Aesthetics Of Hate
  4. Now I Lay Thee Down
  5. Slanderous
  6. Halo
  7. Wolves
  8. A Farewell To Arms
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.