MADDER MORTEM – Deadlands 2009

Pubblicato il 18/01/2010 da
voto
6.0
  • Band: MADDER MORTEM
  • Durata: 01:08:39
  • Disponibile dal: 05/11/2009
  • Etichetta: Peaceville
  • Distributore: Halidon

Usciti nella primavera del 2009 con il loro ultimo lavoro “Eight Ways”, assolutamente valido e competitivo come al solito, i sottovalutatissimi norvegesi Madder Mortem sono protagonisti anche nel finale d’anno con la ristampa del loro album probabilmente più riuscito e da tramandare ai posteri, il deprimente ma volitivo “Deadlands”, chicca originariamente edita dalla Century Media nel 2002, che fra l’altro fornì alla band l’ottimo slot di support-act in un tour degli Opeth. A ben vedere, questa reissue della Peaceville non è particolarmente avvincente, considerata la qualità buona ma non eccelsa delle due uniche bonus-track: l’inedito “The Exile” – composto raffazzonando riff e idee delle recording sessions del tempo – e la rivisitazione della drammatica title-track – da segnalare al suo interno corposi interventi del violino di Sareeta dei Ram-Zet – non aggiungono praticamente valore ad un disco già bellissimo e (quasi) perfetto di suo. Non stiamo parlando di brutte canzoni, sia chiaro, ma in effetti battere la qualità dei brani della tracklist originale di “Deadlands” è realmente impresa ardua; forse sarebbe stato meglio qualche altra tipologia di bonus-track, ma le esplicative liner notes della vocalist Agnete M. Kirkevaag dicono esattamente il contrario: i Madder Mortem fanno musica, quindi offrono musica. Pazienza: la ristampa, soprattutto per chi si perse nel 2002 l’uscita di un album molto avanti, tanto che a risentirlo oggi risulta ancora attualissimo se non all’avanguardia, è comunque da tenere in considerazione, in quanto la bellezza, gli angoscianti incedere e l’azzardo compositivo di pezzi enormi quali “Distance Will Save Us”, “Necropol Lit”, “Faceless” e “Rust Cleansing” sono da (ri)vivere a tutti i costi. Senza dimenticare l’importanza del concept lirico e di un artwork terrificante (in senso positivo), assegniamo la semplice sufficienza a questa ristampa ricordando però il valore assoluto di un lavoro ancora oggi imprevedibile e da avere.

TRACKLIST

  1. Enter
  2. Necropol Lit
  3. Omnivore
  4. Rust Cleansing
  5. Faceless
  6. Distance Will Save Us
  7. Silverspine
  8. Jigsaw ( The Pattern And The Puzzle )
  9. Deadlands
  10. Resonatine
  11. The Exile (bonus-track)
  12. Deadlands Revisited (bonus-track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.