MAGNUM – The Serpent Rings

Pubblicato il 13/01/2020 da
voto
7.5
  • Band: MAGNUM
  • Durata: 00:59:43
  • Disponibile dal: 17/01/2020
  • Etichetta: Steamhammer Records
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

Nei decenni la musica è andata avanti, le preferenze sono cambiate, nuovi generi si sono affiancati a quelli storici e le contaminazioni hanno preso sempre più piede. Eppure ci sono momenti nella nostra vita in cui ci si vuole rinchiudere in un rifugio caldo e sicuro, dove ad accoglierci c’è un tepore che riscalda il cuore, c’è la nostra pietanza preferita di quando eravamo bambini, c’è tutto ciò che richiama in noi i più bei ricordi del passato e ci fa riemergere emozioni sopite o semplicemente sentire protetti. Ecco, ascoltare la musica dei Magnum equivale a passare del tempo in questo rifugio perfetto, per rivivere certe sonorità classiche del rock, le sontuose melodie, i riff di Tony Clarkin e la calda voce di Bob Catley. Il nuovo disco “The Serpent Rings”ci riporta per la ventunesima volta in quella dimensione fantasy ed ancestrale in cui i Magnum hanno costruito tutta la loro fortunata carriera. “Where Are You Eden?” apre le danze con tutti gli elementi che compongono il trademark della band, dalle strofe coriacee e forti di intense parti di chitarra ad un ritornello epico, maestoso ed avvolgente, dove le melodie sono presenti in quantità industriale. La più quadrata “You Can’t Run Faster Than Bullets” punta sull’impatto frontale a discapito del tappeto melodico, qui in parte sacrificato. Chi ha seguito Catley e compagni sin dagli anni Settanta e Ottanta non potrà che amare “Madman Or Messiah”, una canzone molto tradizionale, rinfrescata certamente da suoni moderni prodotti magnificamente, in grado di far compiere all’ascoltatore un balzo indietro nel tempo, fino alla golden-era della band originaria di Birmingham. Stesso discorso vale per la successiva “The Archway Of Tears”, dove le parti vocali assumono il ruolo di protagoniste assolute. Il sempreverde Bob Catley offre il meglio di sé con un’interpretazione degna di essere ricordata negli annali del rock duro. Verso la conclusione, l’album regala un’altra gemma, la melodica e struggente “The Last One On Earth”, diretta da soavi parti di piano, va in crescendo fino al pomposo ritornello corale. Ora, si potrà tacciare i Magnum di proporre musica ripetitiva, eppure di fronte ad una così alta qualità di songwriting ogni attacco è destinato ad infrangersi contro una corazzata che da ormai quarantadue anni continua inesorabilmente a percorrere un cammino lastricato da dischi che hanno fatto la storia e continuano a farla. Con “The Serpent Rings” non si può sbagliare, anche in un’era in cui tutto si può ascoltare da internet, ci sentiamo più che tranquilli nel consigliare l’acquisto del disco anche a scatola chiusa. Fino a quando i Magnum continueranno a sfornare lavori di tale portata, il sottoscritto continuerà a sentirsi al sicuro nel loro rifugio.

 

TRACKLIST

  1. Where Are You Eden?
  2. You Can't Run Faster Than Bullets
  3. Madman or Messiah
  4. The Archway of Tears
  5. Not Forgiven
  6. The Serpent Rings
  7. House of Kings
  8. The Great Unknown
  9. Man
  10. The Last One on Earth
  11. Crimson on the White Sand
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.