MAGRUDERGRIND – II

Pubblicato il 23/02/2016 da
voto
8.0
  • Band: MAGRUDERGRIND
  • Durata: 00:23:32
  • Disponibile dal: 12/02/2016
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Audioglobe

Periodo di vacche grasse per i seguaci del filone grindcore che, dopo l’ottimo EP degli inglesi Razoreater, l’insperata reunion degli Insect Warfare e l’ormai imminente uscita di “Abuse To Suffer”, settimo full-length in casa Rotten Sound, possono oggi godere del ritorno discografico dei Magrudergrind, formazione a stelle e strisce di cui ultimamente si erano un po’ perse le tracce. Ben sette anni separano infatti “II” dal precedente album omonimo, un lasso di tempo considerevole per qualsiasi gruppo (figurarsi poi per una realtà di questo tipo), che però, a fronte dell’impatto devastante dei nuovi brani, non è assolutamente trascorso invano. Per l’opera che sancisce il loro ingresso nel prestigioso roster Relapse, i tre di Washington D.C. hanno evidentemente preferito fare le cose per bene e con calma, in primis affidandosi alle sapienti mani del produttore Kurt Ballou, responsabile di un suono crudo, organico e prossimo alla resa live, e in secondo luogo smussando gli angoli vivi che caratterizzavano il suddetto “Magrudergrind”, per un risultato finale che mescola in parti uguali istintività e senso logico. Nessuna digressione (swedish) death metal, nessuna parentesi scanzonata, niente sample estrapolati da b-movie, solo ventitré minuti di rutilante grind vecchia scuola condito da spruzzate thrash e hardcore punk, il tutto sorretto da uno dei drumming più vari e fantasiosi uditi in certi ambiti (Bryan Fajardo dei Phobia farebbe bene a guardarsi le spalle), da un guitar work esplosivo e da una vocalità perennemente lancinante, portavoce dei malesseri di una società sull’orlo del collasso. Una ricetta semplice, che fa dell’efficacia dei singoli riff la propria arma vincente, incanalata in quindici schegge impazzite che impattano il cranio dell’ascoltatore con la grazia e la delicatezza di una mazza da baseball, come dimostrato (tra gli altri) dal breakdown schiacciasassi di “Divine Dictation”, dall’incedere groovy di “Black Banner” e dalle sottili dissonanze di “Incarceration State”, dove per un istante i Nostri strizzano l’occhio alla scuola powerviolence dei connazionali Full Of Hell. In definitiva, un comeback solido e vincente, che odora di sangue, sudore e raggiunta maturità. Difficile ignorarlo.

II by MAGRUDERGRIND

TRACKLIST

  1. Imperium In Imperio
  2. Divine Dictation
  3. The Opportunist
  4. Relentless Hatred
  5. Sacrificial Hire
  6. War For Resources
  7. Black Banner
  8. Hara-Kiri
  9. Stale Affairs
  10. Regressive Agenda
  11. Incarceration State
  12. Unit 731
  13. Icaro
  14. Husayni/Handschar
  15. Pharmacide
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.