MANDRAGORA SCREAM – Fairy Tales From Hell’s Caves

Pubblicato il 21/07/2001 da
voto
7

Ascoltando Fairy Tales From Hell’s Caves potrà capitarvi di sentirvi catapultati in un limbo magico, fatto di nebbie ancestrali e melodie ammalianti, sensuali come la voce di una sirena, sospesi in un vuoto cosmico in cui la sensazione di non essere affatto soli si tramuterà presto in certezza man mano che le note del disco si faranno strada nella vostra mente e nel vostro cuore, devo dire che non mi capitava di sentirmi così dai tempi dei Goblin. Il rischio di restare affascinati, o meglio ancora, letteralmente stregati, dalla voce di Morgan Lacroix, anima e front woman della band, è uno dei motivi che mi spinge ad invitarvi a gettarvi a capofitto nei dieci gironi infernali che compongono il disco di debutto di questi Mandragora Scream, una voce calda, ma al tempo stesso ipnotica, che saprà condurvi nel viaggio mistico dello spirito di un vampiro, attraverso la follia, le sofferenze e i martiri dell’inferno dantesco, principale fonte di ispirazione di quest’opera. L’architettura ritmica, su cui nasce e si sviluppa il sound del sestetto in questione, è un’efficace alchimia di rock progressivo, a tratti moderno, e atmosfere dense, oscure, cariche di pathos, spesso angoscianti e malinconiche come il canto disperato di una banshee. Fondata nel 1997 da un’idea della stessa Morgan, la band ha precedentemente all’attivo un solo demo cd intitolato “Promo Track 99”, risalente appunto al 1999. Per la realizzazione di Fairy Tales From Hell’s Caves sono stati reclutati altri cinque elementi, tra i quali il chitarrista Terry Horn, che è anche il principale compositore e arrangiatore della musica dei Mandragora Scream, il batterista Jeff Brian Palmitteri e il tastierista Jack Lowell Halleyn entrato nella band nel Marzo scorso per completare la formazione con le sue atmosfere magiche quasi cinematografiche. Brani come “The Time of Spells”, una song romantica ma allo stesso tempo aggressiva con uno sguardo all’hard rock di matrice Zeppeliniana, oppure “Little Zombies” che potrebbe tranquillamente far parte della colonna sonora di un horror dei primi anni 80, vi faranno vivere sensazioni inaspettate, come la bellissima “Child Of The Moon” o “Brain Storm” dove la voce di Morgan assume toni più cupi e misteriosi per poi deliziarci con un chorus melodico che mi ha fatto venire in mente la grandissima Cher (forse anche per merito dell’effetto utilizzato). Se ne avete il coraggio, fatevi trascinare negli oscuri meandri degli inferi da questi signori delle tenebre, ma soprattutto lasciatevi incantare dalla musica dei Mandragora Scream.

TRACKLIST

  1. Fairy
  2. The Time Of Spells
  3. Five Tear Drops
  4. Brain Storm
  5. Cryin’ Clouds
  6. Angel Dust
  7. Little Zombies
  8. Child Of The Moon
  9. Starquake
  10. Fairy Tales From Hell’s Caves
  11. (Eva’s Stardust) ghost track
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.