MANGOG – Mangog Awakens

Pubblicato il 09/02/2017 da
voto
7.0
  • Band: MANGOG
  • Durata: 00:45:43
  • Disponibile dal: 09/01/2017
  • Etichetta: Argonauta Records
  • Distributore: Goodfellas

Streaming:

Buon esordio sulla lunga distanza per i Mangog, band costituita da un paio d’anni, e che prima d’ora aveva dato alle stampe solo un breve EP. I membri della formazione, non proprio alle prime armi, provengono dal sottobosco doom e dintorni del Maryland; sebbene si possano forse citare i soli Iron Man di Al Morris III come band di rilievo, per una precedente militanza dal parte del batterista, se non altro per la carriera ormai quasi trentennale e per la notorietà data dall’appartenenza al roster Rise Above. Pescati in questo caso con buon orecchio dalla nostrana Argonauta Records, i quattro musicisti sono dediti, guarda caso, a un doom metal d’altri tempi, senza fronzoli, aggettivi, derive e altri ammenicoli: “Mangog Awakens” sarebbe potuto serenamente uscire nella prima metà degli anni Ottanta e non stonare, anche se avrebbe rischiato di finire nel dimenticatoio, come nel caso dei connazionali Saint Vitus o Pentagram. E invece i Mangog si affacciano su un mercato assai saturo combattivi e capaci: riff all’odore di zolfo e una batteria cadenzatissima caratterizzano l’intero lavoro, con due ottimi punti di forza e di personalità; parliamo della caldissima voce di Myke Wells, e del grande tocco chitarristico di Bert Hall Jr., capace di trasmettere grandi sentori di Sud degli States, area di cui Baltimore è del resto una capitale culturale e musicale. Perfetto esempio di questa tendenza – forte anche di parecchi richiami alle chitarre di Pepper Keenan – sono l’iniziale “Time Is A Prison”, “Meld”, oppure “Modern Day Concubine”, ove fa capolino anche un efficace filtro vocale. I pezzi più cadenzati rimandano invece a esempi di doom d’annata più europeo, diciamo a metà strada tra i Count Raven (“Of Your Deceit”) e i Candlemass meno teatrali, come per esempio nella lunga e maestosa “Ab Intra”, forse l’highlight dell’album assieme a “Into Infamy”, che riporta alla mente Sua Maestà Bobby Liebling nelle belle linee vocali; o ancora “Daydreams With Nightmares”, forse perfetta sintesi del loro sound. E sempre a proposito di Maestri, vi lasciamo scoprire da soli a quale canzone dei Black Sabbath sia in parte ispirato il bell’assolo di “A Tongue Full Of Lies”. Complessivamente, insomma, l’album non presenta particolari cadute di livello; l’unico, relativo limite sta forse nell’elenco di riferimenti di cui sopra: ma chi non richiama i mostri sacri, specie in un genere come il doom, spesso restrittivo? i Nostri non mancano comunque di personalità, e si gode di questo lavoro per parecchi ascolti. Oltre al fatto che la loro duplice anima, a tratti più bluesy, spesso più sulfurea, lancia ottimi segnali per un futuro decisamente interessante e variegato.

TRACKLIST

  1. Time Is A Prison
  2. Meld
  3. Ab Intra
  4. Of Your Deceit
  5. Into Infamy
  6. Modern Day Concubine
  7. A Tongue Full Of Lies
  8. Daydreams Within Nightmares
  9. Eyes Wide Shut
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.