MARCH TO DIE – Tears of the Gorgon

Pubblicato il 26/11/2023 da
voto
6.5
  • Band: MARCH TO DIE
  • Durata: 00:48:12
  • Disponibile dal: 24/11/2023
  • Etichetta:
  • No Remorse Records

Spotify:

Apple Music:

La scena metal greca non smette di deliziarci con numerosi progetti fra black ed epic metal. Le influenze più oscure, infatti, si riflettono anche nella corrente più epica della nostra musica preferita, e i March To Die sono un esempio perfetto della commistione tra questi due elementi.
Di origini cipriote, il quartetto è dedito appunto ad un epic metal sormontato da venature di Bathory, che arrivano sin da subito alle orecchie dell’ascoltatore con “The Eternal Oath” e la successiva “One Eyed King”. Epic assolutamente vecchia scuola, con la voce sgraziata di Alex Danazoglou che sferza le nostre orecchie con una inaudita aggressitivà. L’equilibrio su cui si reggono le parti più dure dell’album e quelle più melodiche è avvertibile in tracce che risuonano come cori di battaglia in “Hail To Thee” o in “Helmetsmasher”, ove la chitarra gioca un ruolo fondamentale nell’imprimere al tutto un’atmosfera marziale che trascina i protagonisti dei pezzi in epiche battaglie contro interi eserciti nemici. Non mancano però vere e proprie chicche come “Son Of The Old Gods”, quasi un tributo alle ultime fatiche in studio dei Rotting Christ grazie ad un coro oscuro e al suo incedere mistico.
Sicuramente la band funziona nel mettere carica sanguigna in tutti i pezzi e nell’abilità di Nikola Moutafis di intrecciare una serie di riff che tutto sommato funzionano bene. Quello che non ci convince, in generale, è la produzione: sebbene funzionale alle canzoni e alle atmosfere suonate, manca qualcosina in grado di rendere le canzoni davvero affascinanti, nonostante i pezzi filino benissimo.
“March To Die”, canzoneeponima come la band, sembra essere stata scritta in Cimmeria, mentre la finale title-track chiude una Iliade di blackened epic metal. Sebbene quindi la proposta musicale della band sia decisamente interessante, ci sono, in alcune delle tracce, degli elementi che impediscono al tutto di decollare come dovrebbe- citiamo un esempio ulteriore nelle tastiere forse troppo recluse a contorno,che non aggiungono veramente nulla di concreto al disco.
Nonostante tutto, comunque, questo debut dei March To Die si dimostra assolutamente interessante e sarà sicuramente una band da tenere d’occhio in futuro.

TRACKLIST

  1. The Eternal Oath
  2. One Eyed King
  3. Hail To Thee
  4. Son Of The Old Gods
  5. Helmetsmasher
  6. March To Die
  7. Stand And Be Counted
  8. Decapitation
  9. Tears Of The Gorgon
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.