MARILLION – FEAR (Fuck Everyone And Run)

Pubblicato il 27/09/2016 da
voto
9.0
  • Band: MARILLION
  • Durata: 01:08:34
  • Disponibile dal: 23/09/2016
  • Etichetta: earMusic
  • Distributore: Edel

Suoni che non possono essere ricreati. Il sublime manifesto concettuale, intento a fotografare in maniera nitida i contenuti inclusi nel penultimo studio album dei Marillion, si è rivelato un evidente presagio per l’attuale svolta intrapresa dall’illuminata compagine britannica. Sin dall’inquietante titolo inciso al di sopra di un brillante sfondo dorato, Steve Hogarth e soci firmano un lavoro dal marcato gusto introspettivo, caratterizzato da un elegante lirismo provocatorio e da una tanto urgente quanto rara intelligenza espressiva. “FEAR (Fuck Everyone And Run)” si palesa ai nostri timpani come un’opera di pregevole spessore artistico, composta da cinque episodi suddivisi in numerosi sottocapitoli, che permettono di immergerci fino al midollo in questa straordinaria esperienza uditiva. Soltanto attraverso ripetuti ascolti in cuffia, preferibilmente avvolti da un silenzio pressoché assoluto, riusciamo a cogliere una quantità incredibile di sfumature coniate da questi cinque protagonisti in continua evoluzione. Gli standard della musica progressiva tradizionale vengono inesorabilmente abbattuti, attraverso un vellutato costrutto sonoro che si pone come un’autorevole negazione del rock. Le angoscianti lezioni impartite dai Pink Floyd nel cupo “Animals” e dai Marillion stessi nel monumentale “Brave” vengono attualizzate a dovere nelle prime due sezioni dell’immaginifica “El Dorado”. Spicca austero un basso vibrante e plettrato, avvolto da pulsioni industriali, su cui si staglia la voce rauca e passionale di un Hogarth tremendamente incisivo, capace di far librare in seguito le sue corde vocali nel malinconico sfogo dell’intensa title track. “Living In Fear”, di primo acchito, è una ballata sognante che strizza l’occhio ai Keane dell’ottimo “Hopes And Fears”. Riservandole però una maggiore attenzione, rimaniamo sorpresi dalle trame liquide disegnate dalle tastiere e dalle chitarre, che preludono al ritorno ad una celebre infanzia mai dimenticata. Il finale di “The Leavers” viene dominato da un’impetuosa progressione musicale, dalla quale spicca un emozionante assolo alle chitarre magnificato da Steve Rothery in preda al Sacro Furore. Il palese pessimismo di “White Paper” viene caratterizzato da una toccante melodia portante, orchestrata ai tasti d’avorio, che si evolve in un sinuoso groove capace di mozzare il fiato. Il velenoso sarcasmo, urlato a pieni polmoni da un Hogarth disilluso in “The New Kings”, ci accompagna per mano verso un finale tutt’altro che rassicurante, magnificato da una coesione strumentale difficilmente descrivibile a parole. Capolavoro, senza se e senza ma.

TRACKLIST

  1. El Dorado
  2. I. Long-Shadowed Sun
  3. II. The Gold
  4. III. Demolished Lives
  5. IV. FEAR
  6. V. The Grandchildren Of Apes
  7. Living in FEAR
  8. The Leavers
  9. I. Wake Up In Music
  10. II. The Remainers
  11. III. Vapour Trails In The Sky
  12. IV. The Jumble Of Days
  13. V. One Tonight
  14. White Paper
  15. The New Kings
  16. I. Fuck Everyone And Run
  17. II. Russia's Locked Doors
  18. III. A Scary Sky
  19. IV. Why Is Nothing Ever True?
  20. Tomorrow's New Country
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.