MARLO TILT – Show A Stony Heart And Sink Them With It

Pubblicato il 28/01/2020 da
voto
7.5
  • Band: MARLO TILT
  • Durata: 00:29:23
  • Disponibile dal: 17/01/2020
  • Etichetta: Rocketman Records
  • Distributore:

Streaming:

Si sa che nelle cantine più umide e ammuffite possono nascere strane forme di vita: agglomerati mutevoli, ibridi improbabili, contaminazioni inevitabili… Anche i Marlo Tilt nascono in uno scantinato della provincia milanese e allo stesso modo non possono esimersi da questo strano processo biologico che li porta ad emergere alla luce del sole con un primo album, intitolato “Show A Stony Heart And Sink Them With It” (citazione di un dramma di Arthur Miller), in grado di riassumere dentro di sè caratteristiche molto diverse ed apparentemente contrastanti.
Lo stile del gruppo parte da un garage rock che sconfina nel punk, a là Stooges per intenderci, che progressivamente si allarga, come un magma vischioso e grezzo, per andare ad inglobare territori limitrofi (e non). C’è la psichedelia, evocata da tastiere minimali, c’è il torrido e grumoso sound dello stoner, il tutto ammantato da una particolare atmosfera anni Sessanta, guardano alla surf music e restituendo uno slancio melodico quasi pop ad un impianto che rimane orgogliosamente lo-fi e sanguigno.
Nella mezz’ora di durata dell’album, dunque, vediamo tutte queste suggestioni affiorare scambiando tra loro il ruolo di protagonista in più di un’occasione. Così l’iniziale “The Less I Know” ci regala atmosfere beatlesiane, mentre “Hello!” spinge di più sul graffio del garage rock; “Morse” è il brano dove le divagazioni stoner si fanno più evidenti, mentre i cori e le tastiere di “Looney Tune” danno spazio al lato più accattivante e giocoso dei Marlo Tilt. Citazione d’obbligo, infine, per “Sa(ha)ra”, una sorta di “Misirlou” in salsa desert rock, con le tavole da surf a solcare le dune bruciate dal sole, piuttosto che le onde della California.
Questo debutto dei Marlo Tilt, dunque, intriga e riesce ad essere credibile, evitando il rischio maggiore in questi casi, ovvero quello di perdersi senza trovare una propria identità musicale. Una piacevole e consigliata divagazione anche per chi che, come noi, è abituato a quotidiane dosi di randellate metalliche.

TRACKLIST

  1. The Less I Know
  2. Shirley Temple Is Alive And Well (And She's Behind You)
  3. Hello!
  4. Morse
  5. Little Fingers
  6. Sa(ha)ra
  7. Ritalin And Old Laces
  8. Looney Tune
  9. The White
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.