MASS INFECTION – Shadows Became Flesh

Pubblicato il 08/12/2018 da
voto
7.5
  • Band: MASS INFECTION
  • Durata: 00:36:49
  • Disponibile dal: 07/12/2018
  • Etichetta: Comatose Music
  • Distributore:

I Mass Infection arrivano con la seconda uscita per la statunitense Comatose Music al quarto full-length in quindici anni di carriera; che i ragazzi greci (qui raggiunti dal batterista italiano Giorgio Galati) siano una band concreta e competente è, davanti a questo nuovo “Shadows Became Flesh”, cosa certa. Dopo esordi votati ad un death metal tesissimo di chiara ascendenza brutal e old school statunitense, la band ha affinato leggermente la proposta, strutturando i propri assalti su suoni diventati progressivamente più taglienti e melodici. Spesso ascoltiamo echi di Origin e degli Hour Of Penance di “The Vile Conception”, ovvero band maestre nello sposare ritmiche tiratissime con un velo di epicità. Se infatti l’attacco dissonante di “Ominous Prevision” potrebbe far pensare che il gruppo si sia spostato su quel sound alienante caro agli Ulcerate (o ad una black metal band della scuola Deathspell Omega), il resto del disco presenta trame più armoniose, dritte e “rassicuranti”, richiamando in causa i suddetti paragoni. Di nuovo, il valore dei Mass Infection non risiede tanto nell’elaborazione di un sound originale, quanto nella disinvoltura con cui i Nostri concatenano i riff e sviluppano le canzoni. Queste ultime hanno il pregio di seguire percorsi concitati senza mai scadere nella cacofonia o in tecnicismi inconcludenti; come accennato, è evidente che il gruppo presti un minimo di attenzione alla melodia e, di conseguenza, non è raro imbattersi in crescendo solenni capaci di infervorare al primo ascolto. Ricordate quando gli Hour Of Penance erano in grado di tritare qualsiasi cosa su velocità folli e, al tempo stesso, di esprimere maestosità (vedi una “Hideously Conceived”)? Ecco, i Mass Infection a tratti arrivano a concepire qualcosa di simile su questa loro nuova prova. Certo, se dobbiamo trovare un difetto a “Shadows…” è che i toni rimangono sempre e comunque a dir poco incalzanti – e quindi alla lunga ripetitivi – ma forse il finale della title track potrebbe aprire alla band una porta verso registri più controllati e drammatici in futuro. In ogni caso, il livello compositivo e l’ispirazione generale fanno passare in secondo piano anche qualche lieve debolezza. Siamo giusto pochi centimetri sotto certe formazioni ben più famose e lo si percepisce quando “Shadows Became Flesh” riesce a far scoprire qualche nuovo spunto significativo ad ogni ascolto.

TRACKLIST

  1. Ominous Prevision
  2. Demise Of The Almighty
  3. To The Lords Of Revulsion
  4. Oath To Nothingness
  5. Enduring Through The Apocalypse
  6. At One With Demon Dreams
  7. Spiritual Entropy
  8. The Merging Of Infinities
  9. Shadows Became Flesh
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.