MASSGRAV – Still The Kings

Pubblicato il 16/01/2013 da
voto
6.5
  • Band: MASSGRAV
  • Durata: 00:20:20
  • Disponibile dal: 29/11/2012
  • Etichetta:
  • Selfmadegod Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

Certi dischi andrebbero ascoltati e basta, senza essere commentati o valutati. “Still The Kings” è uno di questi. I Massgrav sono una formazione attiva dalla seconda metà degli anni ’90, un nome quasi storico per il circuito hardcore punk svedese, vissuta per tutti questi anni nel profondo underground grazie ad una discografia perlopiù composta da split e brevi EP, salvo una manciata di dischi che, ad ogni modo, non hanno certo riscosso grosse acclamazioni a livello europeo. Una carriera, quella vissuta fino ad ora, segnata dalla passione e del legame verso le proprie radici, ben impiantate sì nell’hardcore punk, ma anche in certi terreni appartenenti al thrash, al crust e al grindcore più spietato. La Selfmadegod immette quindi sul mercato l’ennesimo parto discografico di una band che non scende certo a compromessi, legata in maniera inossidabile alla propria terra – le liriche sono praticamente tutte in lingua madre – e al proprio background musicale, un po’ abusato, certo, ma plasmato con una certa esperienza nei venti minuti scarsi del disco in questione. Forte di un suono totalmente tirato e urgente, “Still The Kings” ci consegna una lunga lista di brani che scorrono via senza soluzione di continuità, brevi, a testa bassa e molto ma molto incazzati, spesso totalmente disinteressati dal trovare un certo ordine formale con il quale inquadrare i singoli episodi, tutti simili l’uno all’altro e privi di un carattere melodico che ne avrebbe certamente facilitato la memorizzazione. Come dei macellai spietati verso la propria futura fonte di incasso, i Massgrav colpiscono violentemente senza fare troppa attenzione ai minimi dettagli: sotto questo aspetto, il loro suono si riconduce più al thrash che al grindcore, privo di ferocia e particolare perizia tecnica ma attento nel colpire subito con una violenza inaudita. A tutti gli effetti, “Still The Kings” potrebbe essere considerato come una traccia unica, un flusso costante di cazzotti nello stomaco non privi di una certa incontrollabile foga. Non c’è tempo per fiatare e spesso, proprio per questo motivo, l’ascolto viene in parte compromesso. Tuttavia, ne siamo certi, i frutti di questo lavoro verranno ripagati adeguatamente in sede live, vera e propria dimensione del trio di Stoccolma.

TRACKLIST

  1. Sell Your Hole For Rock N' Roll
  2. Jag Vill Bara Dö
  3. Brallorna Nere Igen
  4. Kom Ihåg Vad Du Rösta På
  5. Ni Krustar, Dom Dör
  6. Auktoritetsproblem
  7. Väktarnas Värld
  8. Vi Höll På Snuten
  9. Säg Vad Du Vill
  10. At War With Etno
  11. Flytta Hem Då
  12. Full Fart Mot Döden
  13. Fittorna På Tele2
  14. Tack För Maten
  15. Ingen Jävla Summer Of Love
  16. Chefens Lilla Hora Rider Igen
  17. G4S
  18. Är Det Slut Snart?
  19. Suicide
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.