MELECHESH – The Epigenesis

Pubblicato il 03/11/2010 da
voto
7.0
  • Band: MELECHESH
  • Durata: 01:11:24
  • Disponibile dal: 01/10/2010
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Dunque, chiariamo subito una cosa: il nuovo disco dei Melechesh – il quinto e pluriannunciato “The Epigenesis” – è veramente, per certi aspetti, un lavoro ottimo e assolutamente competitivo, denotante una maturità artistica, stilistica e concettuale che ha poco da invidiare a qualsiasi altro gruppo. Avremmo potuto dargli di sicuro mezzo voto od un voto pieno in più, se solo non cadesse in un paio di difetti che ne ammorbano un po’ la fruizione, rendendone la tracklist un tantino pesantina. Ma partiamo da due considerazioni: il passaggio dalla storicamente underground Osmose Productions alla metalmajor Nuclear Blast ha posto Ashmedi e i Melechesh sotto i riflettori di una esposizione mediatica mai avuta in passato e per certi versi sfiancante – basti ricordare l’infinita e iper-pompata autobiografia del leader del gruppo mesopotamico, tuttora coltivata anche su queste pagine web; l’attuale predispozione del mercato a ricevere proposte di heavy metal – progressivo od estremo che sia – contaminato da partiture mediorientali/etniche sicuramente aiuterà un po’ i Melechesh, da secoli fautori di un metallo altamente corrotto da richiami alle gesta delle antiche civiltà assire, babilonesi e sumere. Detto ciò, torniamo a “The Epigenesis”: il disco decolla alla grande, con una prima parte a dir poco sensazionale e trascinante, capitanata dalla (possibile) hit “Sacred Geometry” e caratterizzata dalla bellezza ridondante della violenta ed evocativa “Grand Gathas Of Baal Sin” e della potentissima “Mystics Of The Pillar”. Arrivati alla strumentale “When Halos Of Candles Collide”, però, qualcosa si interrompe e, seppur restando su alti livelli compositivi e di adrenalina, i Melechesh si perdono in loro stessi, affogando nella prolissità e nella presunzione di un bel songwriting ma esageratamente pomposo e reiterato. Produzione, artwork, arrangiamenti carichi di strumenti tipici, qualità tecniche e validità di questi ragazzi non si discutono affatto, però bastava poco per rendere “The Epigenesis” un platter davvero da non perdere a tutti i costi. Attenzione, non stiamo per niente scrivendo di un fiasco e certamente i Melechesh verranno finalmente fuori con classe e capacità…ma la lungaggine, ancor più quando inutile, è un difetto che troviamo purtroppo grave.

TRACKLIST

  1. Ghouls Of Nineveh
  2. Grand Gathas Of Baal Sin
  3. Sacred Geometry
  4. The Magickan And The Drones
  5. Mystics Of The Pillar
  6. When Halos Of Candles Collide
  7. Defeating The Giants
  8. Illumination – The Face Of Shamash
  9. Negative Theology
  10. A Greater Chain Of Being
  11. The Epigenesis
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.