MENDEED – the dead live by love

Pubblicato il 21/02/2007 da
voto
6.5
  • Band: MENDEED
  • Durata: 00:54:00
  • Disponibile dal: /02/2007
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Già noti a chi segue la scena inglese e agli appassionati di metalcore, i prolifici Mendeed pubblicano un altro album a un anno dall’incensato debutto  “This War Will Last Forever”. Si sa che gli Inglesi sono più che indulgenti verso i gruppi della madrepatria, quindi è difficile intuire se si tratta di veri fenomeni o dei “pompati” di turno: sta di fatto che il debutto era un album interessante, e spaziava abbondantemente al di fuori degli schemi del genere. I giovanissimi scozzesi, sicuri nella loro strapotenza tecnica, cercano ora di differenziarsi ulteriormente dalla massa con questo “The Dead Live By Love”, che oltre al campionario thrash death metalcore offre ampie e sorprendenti divagazioni in territori speed power metal (!), probabile conseguenza delle numerose date sostenute assieme ai cugini Dragonforce. L’iniezione neoclassica li trasforma in qualcosa di vicino ai primi Children Of Bodom, inclinati alla cavalcata power-speed e aperti a soluzioni più varie. Se i presupposti per un lavoro incendiario ci sono tutti, a parere di chi scrive il lavoro risulta riuscito solo in parte, soprattutto a causa di queste novità, che paiono a volte introdotte a forza: le accelerazioni sono impressionanti per velocità e padronanza tecnica, ma diminuiscono la potenza delle canzoni considerevolmente, mentre il vocalist David Proctor è un buon screamer ma non riesce a fornire clean vocals al contempo acute e ispirate. Come accade spesso quando le carte in tavola sono decisamente troppe, la sensazione di fondo è quella di una band indecisa e alla disperata ricerca di un sound distintivo, che aggiunge sempre più ingredienti alla ricetta senza un chiaro obiettivo di fondo. Sia chiaro che in ogni caso il prodotto finale è sempre sopra la sufficienza, e interi episodi come “Burning Fear” and “Our War” sono davvero ben riusciti, ma al platter manca decisamente qualcosa per decollare definitivamente. Con “The Dead live By Love” è ancora impossibile battere la concorrenza diretta di Dragonforce, Trivium e Avenged Sevenfold, resta comunque un disco consigliato a chi ama gli accostamenti azzardati e inconsueti, assieme al metal tecnico, moderno ma con un occhio al passato.

TRACKLIST

  1. Burning Fear
  2. The Fight
  3. The Dead Live By Love
  4. Fuel The Fire
  5. Gravedigger
  6. Our War
  7. Blood Brothers
  8. Through Dead Eyes
  9. Reload 'N' Kill
  10. Take Me As I Am
  11. It's Not Over Yet
  12. Thirteen
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.