MERCYLESS – Pathetic Divinity

Pubblicato il 18/10/2016 da
voto
7.0
  • Band: MERCYLESS
  • Durata: 00:45:34
  • Disponibile dal: 10/07/2016
  • Etichetta: Kaotoxin Records
  • Distributore:

Prosegue la seconda parte della carriera dei Mercyless, tornati al death metal con il comeback-album “Unholy Black Splendor” e oggi di nuovo pronti a giurare fedeltà al metallo della morte con questo “Pathetic Divinity”, altro full-length che si ricollega con prepotenza allo stile dei loro lontani ma apprezzati esordi. Dopo avere fatto un po’ di rodaggio con il succitato album, Max Otero e compagni si ripresentano ancora più compatti e concentrati con questo nuovo lavoro; di certo i Nostri non devono avere sprecato troppo tempo nel valutare che direzione intraprendere e quale suono dare al disco: “Pathetic Divinity” è un chiaro esempio di death metal novantiano, facilmente ascrivibile alla tradizione inaugurata con il mini-classico “Abject Offerings” e portata avanti da opere come “Coloured Funeral” e appunto “Unholy…”. Ascoltando i nuovi pezzi si respira la necessità di Otero di insistere su questa strada e di realizzare un album colmo di potenza e determinazione. “Pathetic Divinity” è un ascolto piacevole in primis perché si muove su terreni conosciuti, ma, al tempo stesso, sa mostrare brio e cura per i dettagli. Come al solito, i primi Pestilence e Death di “Human” sono i termini di paragone più logici per inquadrare la proposta dei francesi, ma lungo la tracklist è facile individuare altri piccoli richiami a realtà importanti e un’atmosfera malsana che innegabilmente affonda le proprie radici nei cosiddetti anni d’oro di questo genere musicale. Dopo tutto, i Mercyless hanno mosso i primi passi addirittura nel 1987 e, prima di compiere alcune scelte assai discutibili a livello di indirizzo di sound, il loro operato è sempre stato molto rispettato nell’underground death metal europeo. Insomma, siamo al cospetto di una formazione esperta, una formazione che – quando vuole – sa come mettere sul piatto brani di notevole caratura, con riff che rimangono in testa e arrangiamenti che mostrano sempre qualche variazione interessante. In questo lotto spicca soprattutto “My Name Is Legion”, episodio che subito appare ispiratissimo e davvero ben studiato, forte di una sequenza di riff e chorus che non stanca e che, anzi, dimostra come il quartetto sia riuscito a rivisitare il suo vecchio stile senza scadere nella banalità o nella ripetitività. Adesso più che mai c’è da augurarsi che i Mercyless continuino su questa strada e sappiano stupire ulteriormente, mostrandoci altre sfaccettature del loro ritorno al death metal.

TRACKLIST

  1. Blood of Lambs
  2. Pathetic Divinity
  3. A Representation Of Darkness
  4. My Name Is Legion
  5. Exhort the Heretic
  6. Left to Rot
  7. Eucharistic Adoration
  8. Christianist
  9. How Deep Is Your Hate?
  10. Liturgiae
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.