MESHUGGAH – ObZen

Pubblicato il 10/04/2008 da
voto
8.5
  • Band: MESHUGGAH
  • Durata: 00:52:34
  • Disponibile dal: 07/03/2008
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Dopo un singolo ed un album estremamente sperimentali e composti da una sola traccia (rispettivamente “I” e “Catch 33”) i Meshuggah immettono sul mercato un nuovo, attesissimo lavoro e ritornano alla classica forma canzone. Forse gli ascoltatori più esigenti storceranno il naso davanti a “ObZen”, dato che questo può considerarsi il primo capitolo della saga del combo svedese che non guarda avanti, ma anzi ripercorre sentieri già tracciati dalla band stessa in passato. Se questo può essere considerato come un campanello d’allarme per un combo sempre proiettato oltre i propri limiti, la qualità delle singole tracce ed un songwriting robustissimo scacciano pensieri funesti e ci consentono di trattare questo nuovo lavoro per quello che realmente è: un album eccezionale! Innanzitutto va detto che Fredrik Thordendal e compagni tirano fuori dal cilindro una performance che tecnicamente va oltre l’eccellenza, come sempre del resto. Vengono recuperate ritmiche thrashy abbandonate dai tempi di “Destroy Erase Improve” ed a ciò vengono unite la cupezza di “Chaosphere” ed i tecnicismi e le dissonanze dell’ultimo periodo. A tratti il lavoro di basso di  Dick Lövgren rimanda al tribalismo dei Tool, ma si tratta di momenti sporadici che non incidono in maniera decisiva sul resto del lavoro. Segnaliamo anche che Tomas Haake ha abbandonato (temporaneamente?) il software Drumkit From Hell ed è tornato dietro le pelli per un risultato che lascia a bocca aperta. L’opener “Combustion” è la traccia maggiormente votata al thrash e procede a spron battuto, con Haake insuperabile dietro le pelli. Gli episodi più interessanti però devono ancora arrivare; a partire dalla successiva “Electric Red” fino alla conclusiva “Dancers To A Discordant System” è infatti un susseguirsi di emozioni difficilmente trascrivibili. Si va dai momenti cupi e pesanti di “Electric Red” e “Lethargica” alle sferzate di classe del singolo “Bleed”, passando per le meravigliose “Pineal Gland Optics” e “Pravus” che risultano un connubio tra “Chaosphere” e “Nothing”, concludendo con il capolavoro “Dancers To A Discordant System”: questo è un brano lungo e visionario e solo l’assolo iniziale di Thordendal vale l’acquisto dell’intero album! Detto della prova aspra e malvagia di Jens Kidman dietro al microfono, del piacere di sentire suonare due veri fenomeni delle sei (sette, otto?) corde come Thordendal e Hagström, di una sezione ritmica che ha pochissimi eguali al mondo, di una capacità di scrittura capace di rendere ascoltabili e godibili partiture contorte all’inverosimile non rimane molto altro da aggiungere. I Meshuggah sono tornati: le altre band sono pregate di mettersi in fila dietro i maestri, grazie.

TRACKLIST

  1. Combustion
  2. Electric Red
  3. Bleed
  4. Lethargica
  5. ObZen
  6. The Spiteful Snake
  7. Pineal Gland Optics
  8. Pravus
  9. Dancers To A Discordant System
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.