METAL ALLEGIANCE – Metal Allegiance

Pubblicato il 10/11/2015 da
voto
7.5
  • Band: METAL ALLEGIANCE
  • Durata: 00:56:13
  • Disponibile dal: 18/09/2015
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Definire Metal Allegiance un supergruppo è davvero riduttivo. Siamo di fronte infatti ad un ensemble che ha sì come colonne portanti alcuni tra i nomi più di spicco del panorama heavy metal mondiale – parliamo di artisti del calibro di Mike Portnoy (Dream Theater, Fyling Colors, The Winery Dogs), David Ellefson (Megadeth) e Alex Skolnick dei Testament – ma a loro va aggiunta una nutrita lista composta da moltissimi pezzi da novanta (tra cui con orgoglio spicca la “nostra” Cristina Scabbia). Questo progetto, nato dalla mente del compositore Mark Menghi, si rivela maniacalmente curato in ogni singolo aspetto e soprattutto vario dal punto di vista musicale. “Gift Of Pain” dà inizio alle danze con tutta la furia assassina del thrash metal moderno più ruvido e ferale, le linee vocali intonate da un particolarmente incazzato Randy Blythe (Lamb Of God) trainano il brano per tutti i suoi sei minuti di durata. Diretto, potente e senza pietà, una vera mazzata! “Let The Darkness Fall” sposta il sound verso lidi più heavy metal, ma senza abbandonare la veste moderna tipicamente americana . Alla voce troviamo un ispirato Troy Sanders, mentre al basso Rex Brown (Pantera) svolge il suo compito in maniera egregia. I Metal Allegiance si trasformano in una sorta di Testament su “Can’t Kill The Devil”, non a caso vengono invitati al microfono niente meno che il colossale Chuck Billy e alla chitarra Andreas Kisser (Sepultura) per rafforzare la verve thrash del pezzo. Su “Scars” le melodie la fanno da padrone, il duetto tra Cristina Scabbia dei Lacuna Coil e Mark Osegueda (Death Angel) si rivela tanto particolare quanto azzeccato, una vera accoppiata vincente. Il songwriting di Mark Menghi è tanto efficace quanto potente, perché ha saputo valorizzare al meglio ogni ospite presente. Non mancano episodi meno frizzanti, come “Wait Until Tomorrow”, pezzo atmosferico, ma non brillante, per fortuna in generale questo lavoro si mantiene su un livello più che discreto. Prima del gran finale, c’è tempo per un’altra chicca molto interessante, la strumentale “Triangulum I. Creation II. Evolution III. Destruction” permette ai musicisti di dar sfogo a tutta la loro verve insieme agli ospiti Charlie Benante (Anthrax), Ron “Bumblefoot” Thai, Misha Mansoor e Matthew K. Heafy. In sintesi questo Metal Allegiance non deluderà gli amanti dell’heavy metal di stampo americano, siamo quasi sicuri che questo lavoro rimarrà relegato come un grandioso progetto personale di Mark Menghi, ma la speranza che si riesca a mettere insieme gran parte di questi artisti sullo stesso palco non ci abbandona proprio.

TRACKLIST

  1. Gift of Pain
  2. Let Darkness Fall
  3. Dying Song
  4. Can’t Kill the Devil
  5. Scars
  6. Destination: Nowhere
  7. Wait Until Tomorrow
  8. Triangulum I. Creation II. Evolution III. Destruction
  9. Pledge of Allegiance
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.