MIKE TRAMP – More To Life Than This

Pubblicato il 01/04/2003 da
voto
5.0
  • Band: MIKE TRAMP
  • Durata: 00:46:50
  • Disponibile dal: 17/03/2003
  • Etichetta:
  • Ulftone Music
  • Distributore: Frontiers

Spotify:

Apple Music:

Non perde la fede il caro Mike! L’ex ugola d’oro dei White Lion ritorna con il suo nuovo lavoro solista, e stavolta lo fa chiamando a raccolta, oltre al suo usuale compagno di dis/avventure Oliver Steffensen (anche lui nei Lion dei tempi che furono), la crema della scena rock americana, non risparmiando nemmeno su un missaggio illustre quale può essere quello di Flemming Rasmussen in persona. I nomi illustri, del resto, si sprecano alla corte di Tramp… il nostro riceve questa volta i servigi di alcune maestà chitarristiche del calibro di Todd Wolfe (per alcuni anni al seguito di Sheril Crow), Steve Lukather, Eric Jonhson (riconoscibilissimo nel suo contributo!), tutti pronti a metter le mani sulla loro sei corde per impreziosire il ritorno sulla scena dell’irriducibile Danish Dinamike, che riprova in pompa magna a riprendere il suo cammino sulla polverosa strada del rock delle grandi distanze, di quello che siascolta durante un costa-a-costa insieme agli amici. E’, del resto, la storia della sua vita ciò che incontriamo in questo disco, la prosecuzione del tenacissimo “Fight To Survive” che ha idealmente e letteralmente caratterizzato la sua proposta fin dal primo album degli indimenticati Lion, in ogni nota e in ogni lyric da lui mai composta, e per tutta la durata di questo nuovo album, pure. In ogni caso, Mr. Tramp ci regala ancora una volta (come sempre!) un American hard-rock di classe che, per quanto debitore dei grandi nomi che negli ultimi quindici anni hanno diviso con lui la scena (con particolare riferimento ai redivivi Bon Jovi – onnipresente influenza della maggior parte dei rocker odierni, a giudicare dalle ultime uscite – ma anche al più pulito Noah Hunt e agli episodi meno bluesy della Kenny Wayne Sheperd Band), resta ben assiso sulle coordinate del precedente lavoro “Capricorn”, come la stessa opener/titletrack dimostra, insieme ai più felici episodi di “Back From The Dead” (energica e sporca quanto basta), o “Day By Day”, e ancora “Live For Today” e “Don’t Want To Say Goodnight” (quest’ultima, in apertura, memore del sound degli ultimi Extreme). Le ultime tracce, infine, ripiegano su atmosfere più intime e riflessive, rock ballad rivolte forse alla mai troppo fortunata carriera di questa voce che, dopo la breve parentesi dei Freak Of Nature (conclusasi nello stesso silenzio di quella dei White Lion), stavolta prende questo nuovo capitolo più come una sfida personale che come un atto creativo vero e proprio. Insomma: non c’è nulla che non si sia già sentito, in questo “More To Life Than This” – e non solo altrove, ma anche dall’artista stesso – che tra l’altro in alcuni momenti si fa piuttosto ridondante. Tuttavia, quella di Mike Tramp è una voce che non dispiace del tutto ri-ascoltare ancora oggi, soprattutto in sede live. Non del tutto sufficiente in questa nuova prova, ma naturalmente nemmeno da buttare. Alla fin fine, la tenacia di chi ha creduto per tutta la vita nel proprio “Don’t try to change me / I’m just the way I am” avrà pur portato qualche frutto…

TRACKLIST

  1. More To Life Than This
  2. Lay Down My Life For You
  3. Don't Want To Say Goodnight
  4. Nothing At All
  5. Day By Day
  6. Live For Today
  7. Back From The Dead
  8. I Won't Let Go
  9. Goodbye Song
  10. The Good The Sad And The Ugly
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.