MINDFUL OF PRIPYAT – … and Deeper, I Drown in Doom…

Pubblicato il 26/02/2015 da
voto
7.0
  • Band: MINDFUL OF PRIPYAT
  • Durata: 00:21:00
  • Disponibile dal: 06/01/2015
  • Etichetta: Bizarre Leprous Production
  • Distributore:

Con il progetto Mindful of Pripyat Tya degli Antropofagus, Giulia degli Into Darkness e l’ex Corporal Raid Gio si cimentano in sonorità grindcore richiamanti soprattutto i tardi anni Ottanta e i primi anni Novanta. “… and Deeper, I Drown in Doom…” è la prima testimonianza degli sforzi compositivi di questa realtà lombarda, che gioca a rivisitare il cosiddetto periodo d’oro del genere guardandosi bene dal tirare fuori alcuna velleità sperimentale. I ragazzi provano semplicemente a fare i Terrorizer, i primi Napalm Death, i Phobia e gli Unseen Terror e ci riescono meglio di tanti colleghi: poco ma sicuro. Si ha infatti la netta sensazione che alcune tracce, per tiro e immediatezza, non abbiano nulla da invidiare al materiale di gruppi con già in tasca contratti di tutto rispetto. Il rincorrersi di tre diverse voci, i cambi di tempo repentini ma sempre azzeccati e un riffing “di sostanza” confezionano brani – vedi “Deep Water Coffin”, “Mindful of Pripyat” o “40 Seconds” – che vincono al primo ascolto, mescolando consistenza, efficacia e genuinità. Non ci sono cali in un prodotto spontaneo e diretto, a cui appunto non si può chiedere di portare particolari novità, perché nel momento in cui una giovane band opta per un genere masticato e rimasticato come questo, essa deve avere il solo obiettivo di sfornare buoni pezzi. Così è stato e difficilmente lo si può negare, se si guarda alla forma. Certo, alcuni episodi potranno piacere di più, altri di meno, ma il succo del discorso è che i Mindful of Pripyat sanno dove mettere le mani e, giocando una partita tutta all’attacco, a testa bassa, hanno portato a casa il risultato, non tradendo le aspettative.

TRACKLIST

  1. Containment
  2. Liquidators
  3. Chernobitch
  4. Cleansed by Fallout
  5. Lone in Town
  6. Deterrence
  7. Deep Water Coffin
  8. Mindful of Pripyat
  9. Oblivion Descends (Unseen Terror cover)
  10. Rusty Skin
  11. 40 Seconds
  12. Maruta
  13. Rabid
  14. G.W.I.
  15. Impressions of a Sick Mind
  16. Contagion (Defecation cover)
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.