MINISTRY – The Last Sucker

Pubblicato il 23/10/2007 da
voto
7.0
  • Band: MINISTRY
  • Durata: 00:55:53
  • Disponibile dal: 17/09/2007
  • Etichetta: 13th Planet Records
  • Distributore: Audioglobe

E così è davvero finita. Dopo più di venticinque anni di innovazioni, terrorismo sonoro, crisi violente, dipendenza da eroina e scudisciate politiche Al Jourgensen ha deciso di mettere fine alla carriera di una delle band più innovative e seminali degli ultimi anni. La decisione di concludere l’avventura dei Ministry, a detta del leader, è dovuta al fatto che la maggiore fonte di ispirazione della band, il presidente George W. Bush, è in scadenza di mandato e quindi verrebbe a mancare lo stimolo per produrre musica (e liriche) di qualità. In attesa dell’epitaffio ufficiale, ovverosia l’album di cover previsto per il prossimo anno, i Ministry danno alla luce questo “The Last Sucker”, ultimo atto della trilogia anti-Bush iniziata benissimo con “Houses Of The Molè” e proseguita meno bene con “Rio Grande Blood”. La direzione musicale intrapresa negli ultimi anni rimane la stessa, ovverosia un thrash metal cibernetico e violento, forte di un’attitudine punk e di una carica oscura e distruttiva, senza dimenticare la forte componente industrial, da sempre marchio di fabbrica della band. I fan adoreranno brani quali “Let’s Go” e “Watch Yourself”, vero e proprio manifesto di ciò che sono i Ministry di fine carriera, ma il sottoscritto non può non esaltarsi davanti a “Die In A Crash”, devastante punk song con il sommo Burton C. Bell alla voce. Rimangono da segnalare inoltre la terremotante “The Dick Song”, pesantissima e con chitarra accordata bassa a rendere il tutto più moderno e la cover del classico doorsiano “Roadhouse Blues”, ovviamente rivisitato secondo i canoni cari a Jourgensen che, sotto sotto, ha sempre nascosto un’animaccia blues. Ecco, rimane poco altro da dire: l’album si lascia ascoltare, ma da un ultimo atto ci si aspetta sempre qualcosa di più e di meglio. Ci auguriamo che Al Jourgensen trovi nuovi stimoli per nuovi progetti, ma ci permettiamo di fargli presente che non importa se il nuovo presidente sarà Gore, la Clinton, Obama, McCain, Cheney o chi altri: i motivi per recriminare contro colui che diventerà di fatto l’imperatore del mondo ci sono e ci saranno sempre: basta sapere guardare caro Al.

TRACKLIST

  1. Let's Go
  2. Watch Yourself
  3. Life Is Good
  4. The Dick Song
  5. The Last Sucker
  6. No Glory
  7. Death & Destruction
  8. Roadhouse Blues
  9. Die In A Crash
  10. End of Days ( Part One )
  11. End of Days ( Part Two )
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.