MISERY INDEX – Heirs To Thievery

Pubblicato il 11/05/2010 da
voto
8.0
  • Band: MISERY INDEX
  • Durata: 00:34:21
  • Disponibile dal: 11/05/2010
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Masterpiece
In un mondo che ormai gira sempre a mille all’ora, restano poche certezze. Nel campo del metal estremo, una è sicuramente il logo Relapse, etichetta che da anni pubblica buona parte del materiale più avvicente del settore, mentre un’altra corrisponde ormai al nome dei Misery Index. Giunti al quarto full-length e superata abbondantemente la cinquantina di pezzi nel repertorio (non vanno certo sottovalutati tutti gli EP e gli split), i quattro ragazzi statunitensi continuano a non mostrare alcun segno di stanchezza. Napalm Death, Terrorizer, Assück, Brutal Truth, His Hero Is Gone… storie di ribellione, rabbia, corruzione, caos e decadenza. Hanno stretto tra le mani e dato una spolverata ai dischi della loro adolescenza, i Misery Index, e ci è voluto poco per convincersi che lì, dentro quei CD, di roba da buttare ce ne fosse proprio poca. Le cose vanno avanti così dal 2001 e questa opera di riscoperta, valorizzazione e omaggio giunge ora a un album, “Heirs To Thievery”, che rappresenta uno dei capitoli più ispirati e riusciti dell’intera saga. Una raccolta di canzoni – sì, chiare e scorrevoli canzoni, non un semplice ammasso di riff e urla – brutali ma sempre in movimento, che giocano con la tradizione death-grind per poi trasfigurarla con influenze che vanno dall’hardcore al thrash e un’attitudine che ha non pochi punti di contatto con i più sovversivi ambienti anarcho-crust-punk. Il tutto inserito questa volta in una produzione più pulita e moderna del solito, che in qualche circostanza riporta alla mente gli amici Dying Fetus, gruppo del quale il buon Jason Netherton è stato leader e ideologo sino all’amatissimo “Destroy The Opposition”. Insomma, il solito grande disco dei Misery Index. Una certezza. Appunto.

TRACKLIST

  1. Embracing Extinction
  2. Fed to the Wolves
  3. The Carrion Call
  4. Heirs to Thievery
  5. The Spectator
  6. The Illuminaught
  7. The Seventh Cavalry
  8. Plague of Objects
  9. You Lose
  10. Sleeping Giants
  11. Day of the Dead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.