MONARCH – Never Forever

Pubblicato il 05/11/2017 da
voto
7.0
  • Band: MONARCH (FRA)
  • Durata: 01:07:36
  • Disponibile dal: 22/09/2017
  • Etichetta:
  • Profound Lore

Spotify:

Apple Music:

A tre anni dal precedente “Sabbracadaver” la formula dei francesi rimane inalterata e, semmai, tende ad un appesantimento che vira inesorabilmente ancor più verso l’abisso, verso una claustrofobia cieca ed annichilente quale quella in cui ci ritroviamo durante l’ascolto di “Never Forever”. Basta poco per finire avviluppati dalle ragnatele disegnate dai Monarch, già quando a metà di “Of Night, With Knives” un inquietante cantilenare ci sorprende in quest’orgia di suoni lenti e bassi ci rendiamo conto di esserci spinti troppo in là per tornare a galla. Cinque brani per più di un’ora di musica opprimente e marcia ed eppure ipnotica, a modo suo eterea, quanto basta per lasciarsi traghettare in uno Stige di errore e malignità. Cos’è il metal estremo, dopotutto, se non uno stacco netto, una deviazione verso l’abisso, un’esposizione mediante suono di acredine e scorno, rabbia, depressione, morte? L’extreme doom dei francesi non fa sconti, resta pachidermico e decadente quanto lo era prima, non ci porta novità, non ci fa godere di quel momento o quell’altro, avviluppa la realtà che ci circonda e la ri-descrive a suo modo, detta le basi di qualcosa che conosciamo e lo fa secondo i propri crismi, tanto che anche un brano conosciuto – e ‘altro’ rispetto a quel di cui si parla – come “Black Diamond” dei Kiss diventa qui “Diamant Noir” e se non fosse stato perché era in scaletta, ne avremmo riconosciuta l’origine non prima di metà esecuzione, tanto i francesi sono in grado di restituire la realtà secondo il loro precipuo punto di vista. Ed è qui che forse sta il plus, non tanto nell’estremizzazione, non tanto nel marciume, nel disturbo che sanno generare quanto, insindacabilmente, nel restituire una versione tutta loro di qualcosa che già esiste, uno sporcare qualcosa che c’era e ci sarà, una costruzione di un ‘Upside Down’ in cui tutto giace lì immobile, mai visto sinora con questi filtri. Lavoro difficile, non per tutti, ma da non perdere se vorrete perdervi in un magma sonoro che non lascia scampo.

TRACKLIST

  1. Of Night with Knives
  2. Song of the Void
  3. Cadaverine
  4. Diamant Noir
  5. Lilith
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.