MONDO GENERATOR – Fuck It

Pubblicato il 10/03/2020 da
voto
7.5
  • Band: MONDO GENERATOR
  • Durata: 43:20
  • Disponibile dal: 21/02/20
  • Etichetta: Heavy Psych Sounds
  • Distributore:

Spotify:

Apple Music:

Se mai il rock’n’roll morirà non sarà di certo colpa di Nick Oliveri. Né dei suoi Mondo Generator. Ancora e sempre portavoci di una bandiera di fede assoluta al power trio, al punk sporcato di deserto, col cuore tatuato di whisky e musica.
“Fuck It”, registrato negli studi di Josh Homme, è il nuovo disco di Oliveri, Pygmie e Amster e non bada a sconti nemmeno stavolta: se le bollette da pagare impongono al buon Nick di sfornare album per andare avanti è anche vero che il suo lavoro viene sempre fatto alla grande. Sbraitando cliché, reminescenze di band, amici perduti e ritrovati, storie di deserto, Mr. Oliveri ne avrebbe da raccontare fino alla fine dei suoi giorni (e speriamo continuerà a farlo). Come fare a non esaltarsi per una canzone che si chiama “Kyuss Dies!”, anche considerando che è un pezzo al livello dei migliori fasti di Vista Chino et similia post-Kyuss? Come gli altri brani del lotto, non è che voglia dire chissà che cosa o mostrare nulla di eclatante, se non l’unico baluardo del tirare-dritti-e-pedalare. Macinare il solito giro, piazzarci un mezzo solo, sputare sangue; non è di certo poco, e quando è fatto con cuore lo si sente subito. Brani come “Silver Tequila/ 666 Miles Away” recuperano anche altro materiale più frizzante e scanzonato, con una dose massiccia di alcool salito male, inquieto, che gorgoglia nello stomaco in una calda, anzi caldissima, giornata estiva. Altri, come “S.V.E.T.L.A.N.A.S”, sono altri rimandi ad amici sparsi in giro per il mondo, anche loro intenti a fare proselitismo punk’n’roll. Presente anche Olga Svetlanas nel pezzo, che dona il contributo che uno si aspetta: esattamente senza sconti, senza grandi pretese. Ultima menzione, dovuta, per un pezzone downtempo (almeno all’inizio) dei più cazzuti e americani del lotto: “Nowhere Man”. Quando il Mojave chiama e non puoi non rispondere…
“Fuck It” non è certo il disco per cui spendere troppe chiacchiere. Vuoi del rock’n’roll incazzoso, impolverato e barbuto? Piazzalo su e vedrai che sarai soddisfatto! Ma forse lo sapevamo già.

TRACKLIST

  1. Nowhere Man
  2. Up against the Void
  3. Kyuss Dies!
  4. Turboner
  5. Fuck It
  6. When Death Comes
  7. Listening to the Daze
  8. Silver Tequila / 666 Miles Away
  9. S.V.E.T.L.A.N.A.S.
  10. There’s Nothing Wrong
  11. Death Van Trip
  12. It’s You I don’t Believe
  13. Option Four
  14. Disease With No Control (CD bonus track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.