MONSTROSITY – The Passage Of Existence

Pubblicato il 11/09/2018 da
voto
8.0
  • Band: MONSTROSITY
  • Durata: 00:49:00
  • Disponibile dal: 07/09/2018
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Le sorprese, per loro stessa definizione, arrivano quando meno te lo aspetti. Capita così che in concomitanza della debacle totale di un pilastro della scena death metal (Deicide, a breve la recensione di “Overtures of Blasphemy” su queste pagine) una leggenda data ormai per spacciata si risollevi con quella che non esitiamo a definire una delle sue prove migliori e uno dei dischi estremi dell’anno. Perchè di questo si può parlare una volta entrati in confidenza con le trame di “The Passage of Existence”, sesta fatica sulla lunga distanza dei Monstrosity; un affresco folgorante e nitidissimo di metallo della morte vecchia maniera che non ha nessuna pretesa al di fuori di testimoniare il proprio amore per un genere e la sua poetica, frutto di una band da molti vista come secondaria ma che – dati alla mano – non ha praticamente mai commesso un passo falso.
E anche oggi, al netto di un silenzio discografico durato oltre un decennio, la storia si ripete, venendo incanalata dal quintetto in una formula di rara efficacia e intensità. Il suono è compatto, sicuro, come se nulla fosse successo o cambiato dal precedente “Spiritual Apocalypse”. L’iniziale “Cosmic Pandemia” è un biglietto da visita assolutamente entusiasmante che illustra tutti i punti di forza della creatura di Lee Harrison: tecnica, potenza, orecchiabilità e una cura maniacale per i dettagli, tradotta in una serie di intarsi melodici e pattern ritmici indispensabili per conferire ulteriore slancio emotivo alla proposta. “Radiated”, “Solar Vacuum” e “The Hive” si inseriscono nella medesima scia dell’opener, mentre in brani lunghi e strutturati come “The Proselygeist” e “Maelstrom” i floridiani giocano maggiormente con i chiaroscuri e le reminiscenze thrash metal da sempre presenti nel loro background, conseguendo un risultato non meno ingegnoso.
Un’eleganza costante e la capacità innata di rendere memorabile ogni passaggio guidano l’intero “The Passage…”, il cui incedere lascia spesso a bocca aperta per espressività e creatività. I vari elementi chiave – i riff uncinati presi in prestito dai Death dell’era “Symbolic”, gli straordinari assoli di chitarra, i tappeti di doppia cassa sempre pronti a sfociare in fiumane di blast beat – raramente sono stati così messi a fuoco nella carriera della band di Tampa, intrecciandosi in un ordito che è il compromesso perfetto tra forza bruta e melodia, inventiva e robustezza, tanto caro alle usanze statunitensi di inizio anni Novanta. A fronte di un simile dispiego di classe, forse il più evidente dai tempi del capolavoro “Millennium”, non resta che imparare e ringraziare nuovamente questi artisti, la cui passione inscalfibile ci ricorda perchè siamo così innamorati di un genere di musica chiamato death metal.

TRACKLIST

  1. Cosmic Pandemia
  2. Kingdom of Fire
  3. Radiated
  4. Solar Vacuum
  5. The Proselygeist
  6. Maelstrom
  7. Eyes upon the Abyss
  8. The Hive
  9. Century
  10. Slaves to the Evermore
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.