MOONSPELL – Darkness And Hope

Pubblicato il 27/08/2001 da
voto
5.5
  • Band: MOONSPELL
  • Durata: 00:45:02
  • Disponibile dal: //2001
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Self

Oscurità e Speranza. Tanta l’esigenza di oscurità, per riappropriarsi di quel feeling gotico e decadente che aveva mosso i primi passi, e tanta la voglia di speranza, di poter risalire la china prima che per sempre cali il sipario sul nome Moonspell. Non è un segreto per nessuno che le ultime produzioni della band portoghese abbiano raccolto magri consensi tra la ricca schiera di fans della prima ora, e tutto sommato non era poi così imprevedibile un ritorno alle radici ‘goth’ piantate con lo splendido “Irreligious” ed il precedente “Wolfheart” per salvare baracca e burattini, e magari anche un traballante contratto Century Media. E “Darkness And Hope” rappresenta l’album in cui tentare il tutto per tutto, perché l’estremo saluto alla più grande avant-metal band portoghese di sempre venga rimandato, ad un domani il più lontano possibile; si tratta di un lavoro estremamente teso, instabile ed a tratti commovente, perché epitaffio dell’irruenza creativa di una band capace di rompere gli schemi, reinventando situazioni e rileggendo temi senza mai apparire scontata. Ed invece le undici tracce che compongono questo nuovo lavoro lasciano davvero molto a pensare riguardo la spontaneità di alcune scelte stilistiche, e sulla sincerità del presunto ‘back to the roots’, che però, badate bene, la band diligentemente sconfessa facendoci credere che si tratterebbe dell’ennesimo passo avanti, in virtù di quella vena evoluzionistica che da sempre accompagna il gruppo, ma che, almeno stavolta, sembra essere mancata. Gothic Metal (o sarebbe meglio dire Goth Rock?) di maniera e cortesia, totalmente (o quasi) estraneo a quell’ispirata creatività del Ribeiro/Langsuyar dei bei tempi andati, ed una manciata di canzonette che solo dopo molti -troppi- ascolti iniziano a farsi notare. Acciuffate “Nocturna”, “Made Of Storm”, “Than The Serpents In My Arms”, “How We Became Fire” e vi renderete conto come gli highlights di questo album saranno tra breve i relitti di una band schiava del suo passato. Una bocciatura singhiozzante di sincero rammarico.

Nota Bene: aggiungete pure un punto al giudizio finale, con l’accortezza di cancellare il nome della band dal CD che comprerete.

TRACKLIST

  1. Darkness And Hope
  2. Firewalking
  3. Nocturna
  4. Heartshaped Abyss
  5. Devilred
  6. Ghostsong
  7. Rapaces
  8. Made Of Storm
  9. How We Became Fire
  10. Than The Serpents In My Arms
  11. Os Senhores Da Guerra
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.