MORBOSIDAD – Corona De Epidemia

Pubblicato il 27/03/2018 da
voto
8.0
  • Band: MORBOSIDAD
  • Durata: 00:32:38
  • Disponibile dal: 18/03/2018
  • Etichetta: Nuclear War Now
  • Distributore:

Vede la luce finalmente in tutti I formati “Corona De Epidemia”, temibile ultimo lascito di lunga durata da parte dei Morbosidad, istituzione americana in seno al metallo della morte più annichilente e casinista. Edito ancora da Nuclear War Now! e baciato dalla mano indiavolata di Chris Moyen per l’artwork, il nuovo album della band si muove sicuro sulle coordinate che hanno reso grande il monicker dei suoi creatori, andando però ad insistere sulle caratteristiche più veloci ed incisive presentate solo sporadicamente in passato dai vecchi lavori. A ben vedere, l’assalto war/death assolutamente imbattibile delle prime tracce rimane vivo e sconvolgente anche nel succedersi dell’ascolto, sfruttando un minutaggio dei brani tirato al minimo e donando loro una personalità marcata, seppur fugace. Il suono è martellante, tetro, in una fusione degli strumenti nitida e a suo modo miracolosa, se si considera il caos che sprigiona nel suo complesso ogni secondo di questo album. Mattatore assoluto di chitarre inviperite e blast beat a cascata è l’odio impenetrabile di Tomas Stench e delle sue vocals, allo stesso tempo bestiali, dissacratorie ed evocative come pochi altri, perfette per accompagnare nel sanguinoso rituale attraverso pesantezze death metal, atmosfere black metal, ed un inimitabile tocco di ‘morboso metal’ che coagula in una sola forma il carattere indissolubilmente blasfemo della band. Come da prassi, ogni frammento di vita viene annientato dal carrarmato del Texas al suo passaggio, non mostrando alcun segno di cedimento nella sua mezz’ora abbondante di durata. Dopo decenni di oscuro lavoro nell’underground più luciferino, sembra che i Morbosidad abbiano trovato il modo di plasmare il caos secondo il loro volere, riuscendo a non perdere mai niente in termini di aggressività nei momenti più concitati ed aggiungendo profondità invece con tempi medi e rallentamenti ben posizionati che permettono di sprigionare il versante più malefico del gruppo. “Cordero De Cristo”, “Condena Y Castigo” o “Crudeza” si segnalano come probabili highlights di un lavoro che non possiede in realtà momenti di stanca e che sembra invece alimentare il suo odio anti-cristiano ogni secondo di più, trascinando in un vortice di negatività belligerante da cui si riuscirà ad uscire solamente al termine dell’infausta messa nera. Rispetto al passato, sarà forse più facile seguire l’evoluzione dei riff e della musica, grazie ad un impatto sonoro oggi più delineato che mai, ed anche se qualche fan della prima ora potrebbe preferire le produzioni marce ed oggettivamente inferiori di prima, è innegabile che “Corona De Epidemia” riesca a devastare pur con qualche rifinitura in più, ponendosi come un’opera concreta e completa, perfetta nella sua forma infernale e ricca da un punto di vista di qualità e contenuto. La nuova crociata satanica dei Morbosidad è arrivata più forte e prorompente che mai, nessuno potrà opporsi al suo malvagio volere senza passare attraverso un mare di sangue e dolore.

TRACKLIST

  1. Muerte Suicidio
  2. Corona De Epidemia
  3. Cordero De Cristo
  4. Eucaristia
  5. Transtorno Mental
  6. Condena Y Castigo
  7. Difunto
  8. Maldicion
  9. Sepulcro De Cristo
  10. Crudeza
  11. D.E.P.
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.