MORGANA – Three Years Of Madness

Pubblicato il 02/05/2005 da
voto
7.0
  • Band: MORGANA
  • Durata: 00:46:00
  • Disponibile dal: //2005
  • Etichetta:
  • New Lm Records
  • Distributore: Masterpiece
Streaming non ancora disponibile
Interessante “operazione recupero” ad opera dellasempre attiva Andromeda Relix, la quale ci offre un platter che dovevaessere immesso sul mercato circa quindici anni fa (e che per motivi anoi sconosciuti è rimasto inedito sino ad oggi) del progetto “Morgana”,guidato dalla singer piemontese Roberta Delaude. Il platter contienesette tracce registrate dal 1987 al 1989 che mostrano pienamentel’evoluzione stilistica che la band ha compiuto nel giro di soli treanni. “Welcome In The Dark” è una nitida fotografia degli esordi delgruppo impegnato a sfornare potentissimo heavy metal che a trattisfocia nel thrash più sparato, con Morgana impegnata in una perfomancepiuttosto grintosa anche se non propriamente ineccepibile dal punto divista tecnico. Destano curiosità i dieci minuti scarsi di “SaveMe/Man”, registrata anch’essa nel 1987, dove nella prima parte dominanoguitar riff al cardiopalma di matrice squisitamente thrash, note dibasso sparate a mille che ben si accoppiano al veloce e dinamicodrumming, ben amalgamato alla performance della sempre grintosa singer,mentre nella seconda parte la song si stempera in una ballad dipregevole fattura con tanto di pennellate di chitarra acustica eindovinati inserti di flauto. L’accattivante “Skin On Skin” registratanel 1988 stempera le sfuriate chitarristiche in favore di un tessutosonoro squisitamente classic metal, con tanto di break meno istintivi epiù meditati e di un drumming più vario e meno “pestone”. Una massicciadose di tastiere ci introducono “Lady Of Winter” – altra song chestrizza l’occhio al metal classico – dotata di un buon refrain che vedeanche un discreto miglioramento delle corde vocali di Roberta. Ilguitar riff portante di “No Time To Waste” prelude alla svolta attuatanel 1989, che vede la band abbandonare le truci ritmiche in favore disong maggiormente orientate sull’hard rock melodico come “Make MeLove”, (nell’incipit chitarristico si odono echi dei Led Zeppelin ) ela discreta ballad che risponde al nome di “Without You”. Come bonustrack viene inclusa “Show Me The Way” incisa nel 1992, nella quale ilconcetto di heavy metal comunemente inteso è totalmente assente, infavore di melodie ai confini con l’AOR, condite da un pregevole edelegante guitar work esaltato dalla produzione nel contesto davverocurata… e suscita una certa tristezza pensare che, se questa canzonefosse stata incisa da una band americana negli anni Ottanta, avrebbespopolato nelle chart. Godiamoci questo affresco di metal italianodell’epoca in attesa di ricevere notizie su un nuovo lavoro dellastrega Morgana…

TRACKLIST

  1. Make Me Love
  2. SKIN ON SKIN
  3. SAVE ME/MAN
  4. WITHOUT YOU
  5. LADY WINTER
  6. WELCOME IN THE DARK
  7. NO TIME TO WASTE
  8. SHOW ME THE WAY
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.