MORS PRINCIPIUM EST – …And Death Said Live

Pubblicato il 19/12/2012 da
voto
6.5
  • Band: MORS PRINCIPIUM EST
  • Durata: 00:46:19
  • Disponibile dal: 05/12/2012
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Avevamo perso completamente le tracce dei finlandesi Mors Principium Est dopo la pubblicazione, nel 2007, del precedente “Liberation = Termination”. Da quanto siamo riusciti ad appurare, la lunga assenza dalle scene è dovuta in gran parte ai numerosi cambiamenti nella line up, alla ricerca di una nuova label discografica e – last but not least – alla stesura del nuovo “…And Death Said Live”. I ragazzi hanno faticato le classiche sette camicie per trovare due nuovi chitarristi all’altezza del ruolo e, dopo avere provato numerosi musicisti, la scelta è ricaduta sull’inglese Andy Gillion e sul neozelandese Andhe Chandler, entrambi provenienti da band stilisticamente piuttosto affini ai Mors Principium Est stessi. Firmato poi un deal con la AFM Records, ecco che finalmente l’album arriva sugli scaffali. La band tiene fede a sé stessa e non cambia una ricetta che ritiene vincente, puntando tutto su di un death melodico in bilico tra Dark Tranquillity, Kalmah e Callenish Circle, con diverse variabili gothic, power, black e thrash al proprio interno. Come nelle precedenti uscite, il combo piacerà molto agli amanti del genere e lascerà indifferente chiunque altro, a causa di un modo di scrivere molto old school che non permette ai Nostri di uscire mai dai canoni predefiniti di un genere che già da anni ha detto tutto ciò che aveva da dire. Ancora una volta i finnici resistono meritoriamente a tentazioni metalcore, preferendo inserire nel proprio canovaccio sonoro solos fulminanti di matrice neoclassica, frammenti power heavy da primi In Flames e alcune sferzate thrashy che però vengono totalmente stemperate dalla fortissima vena melodica e che quindi non trovano pieno sfogo come ad esempio succedeva per gli Impious di qualche anno fa. La dedizione alla causa dei Mors Principium Est è totale: niente clean vocals, niente ritornelli catchy, nessun compromesso in tal senso; qui assistiamo solo ad un susseguirsi di riff a cascata, drumming quasi sempre vocato verso l’uptempo, assoli funambolici e decisamente ben fatti, da sempre il punto di forza dei ragazzi (stavolta coadiuvati in tal senso da Ryan Knight dei The Black Dahlia Murder e da Jona Weinhofen dei Bring Me The Horizon), punteggiature tastieristiche niente affatto ruffiane. Il problema, come sempre, è un songwriting scolastico che cerca sempre le stesse soluzioni e le imbelletta poi con delle sovrastrutture esagerate e pompose che a conti fatti gettano solo fumo negli occhi. Non c’è grossa distinzione tra i dieci brani dell’album: magari qualcuno è più sfumato verso ambizioni gotiche, come “Ascension”, altri sono maggiormente impattanti (il primo singolo “Destroyer Of All” e “Departure”), altri ancora giocano con il metallo classico (“I Will Return” e la convincente “What The Future Holds”), ma, in definitiva, si ha la sensazione di ascoltare sempre la stessa traccia. Ciò non toglie che – al netto di tutto questo – possiamo considerare “…And Death Said Live” come il lavoro migliore dei Mors Principium Est, grazie anche ad una produzione e ad un mixing davvero ottimi. Onesti e coerenti, non c’è altro da dire.

 

TRACKLIST

  1. The Awakening
  2. Departure
  3. I Will Return
  4. Birth Of The Starchild
  5. Bringer Of Light
  6. Ascension
  7. ...And Death Said Live
  8. Destroyer Of All
  9. What The Future Holds?
  10. The Meadows Of Asphodel
  11. Dead Winds Of Hope
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.