MORS PRINCIPIUM EST – Seven

Pubblicato il 27/10/2020 da
voto
7.5
  • Band: MORS PRINCIPIUM EST
  • Durata: 00:48:20
  • Disponibile dal: 23/10/2020
  • Etichetta:
  • AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Melodic death metal: lo stai facendo bene. Con brutale sintesi potremmo così riassumere l’operato dei Mors Principium Est, tra i protagonisti della prima ora della ‘new wave Of Finnish melodic death metal’ d’inizio millennio, anche se dopo i primi tre album la line-up si è espansa oltre confine per poi cristallizzarsi ora intorno allo storico frontman Ville Viljanen e al chitarrista/tastierista Andy Gillion. Come i suoi predecessori, anche “Seven” non brilla per originalità (a partire dal titolo), ma compensa con un ‘more of the same’ di quello che i cittadini onorari di Gothenburg vogliono sentire da un quarto di secolo: niente clean vocals od orpelli elettronici, ma un riffing serratissimo, scream affilati ed un tappeto di tastiere mai così ricco, pur senza mai scadere nel barocchismo fine a se stesso o risultare pleonastico. Un buon esempio di come suonino i MPE 2020 è rappresentato dalla doppietta d’apertura (“A Day for Redemption” e “Lost in a Starless Aeon”), ma per chi scrive l’apice del disco è costituito da “Master of the Dead” (da gustare tutto d’un fiato con la breve strumentale “Reverence”, ottimo preludio nel creare il giusto climax orchestrale) e dalla conclusiva “My Home, My Grave”, anch’essa perfetta sintesi di aggressività, punteggiature melodiche ed arrangiamenti epici. Se gli elementi migliori seguono la classica spina dorsale dei manuali di tattica (portiere – centrocampista – attaccante), il resto della squadra lo potremmo definire composta da onesti gregari, con qualche piccola sorpresa (i cori epici di “March To War”) e nessun elemento fuori posto. In un presente distopico in cui gli In Flames hanno ormai da decenni la carta verde, i Dark Tranquillity sembrano aver invertito il peso specifico di chitarre & tastiere e i Children Of Bodom esistono senza Alexi Laiho, per fortuna ci sono ancora band come i Mors Principium Est a tenere in piedi la bandiera (ormai sempre più biancoazzurra) del melodic death metal D.O.P.

TRACKLIST

  1. A Day For Redemption
  2. Lost In A Starless Aeon
  3. In Frozen Fields
  4. March To War
  5. Rebirth
  6. Reverence
  7. Master Of The Dead
  8. The Everlong Night
  9. At The Shores Of Silver Sand
  10. My Home, My Grave
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.