MORTUUS INFRADAEMONI – Inmortuos Sum

Pubblicato il 22/04/2022 da
voto
6.0
  • Band: MORTUUS INFRADAEMONI
  • Durata: 01:03:37
  • Disponibile dal: 25.03.2022
  • Etichetta:
  • Iron Bonehead Prod.
Streaming non ancora disponibile

Avevamo dato il benvenuto a questa black metal band tedesca nell’ormai lontano 2007, quando era uscita dal nulla con l’album di debutto intitolato “Daemon Qui Fecit Terram”. I Mortuus Infradaemoni, oggi come allora, erano (e sono) composti da ex membri dei Lunar Aurora e proprio da quest’ultimi erano stati patrocinati per il loro primo e secondo full-length. I primi passi di questi teutonici adoratori delle tenebre erano stati promettenti, il gruppo aveva qualcosa che poteva ricordare proprio i Lunar Aurora, solo in una versione meno mistica e più grezza, senza alcun elemento sinfonico. Poi non sappiamo cosa sia successo, ma la band è sparita dalla circolazione; ora, a distanza di ben tredici anni i Mortuus Infradaemoni si rifanno vivi con il nuovo “Inmortuos Sum”, molto probabilmente il loro lavoro meno riuscito. Non è facile riprendere le fila di ciò che si era abbandonato dopo così tanto tempo, ma non sembra che al gruppo tedesco sia scemata la voglia di dedicare tutte le energie alle fiamme nere dell’inferno: è piuttosto la lucida ispirazione a fare capolino solo saltuariamente su questo album. Il sound e lo stile si sono imbarbariti, il riffing è diventato un po’ troppo derivativo, fermo agli insegnamenti originari impartiti da Darkthrone e Immortal. La produzione è buona, nel senso che è quasi perfetta per il black metal grezzo che la band propone, con suoni molto abrasivi seppur scarni nelle parti lente e cadenzate e un po’ caotici quando la band accelera i ritmi. L’atmosfera di fondo è piuttosto oppressiva e si fa talvolta anche sinistra, come ad esempio su “Ossuarium Of The Black Earth”. Quando il combo tedesco segue le orme dei Darkthrone l’album si fa noioso perchè i riff sembrano davvero sempre quelli sentiti e risentiti già da una trentina d’anni a questa parte e non particolarmente esaltanti, meglio i Mortuus Infradaemoni quando spingono forte sull’acceleratore ed le strutture chitarristiche si arrichiscono diventando fredde e taglienti proprio nel caro e vecchio stile Immortal. Non manca qualche parte puramente caotica e sconclusionata, ma è soprattutto la l’eccessiva durata della release a penalizzare questo lavoro della band. Un ritorno tutto sommato interlocutorio e trascurabile perchè di musica black metal c’è in giro ancora tanta e di qualità migliore.

TRACKLIST

  1. Insepultus
  2. Madness Rides With The Star-Winds
  3. Omne Vitae In Tenebras Mergit
  4. Abhominog
  5. Ossuarium Of The Black Earth
  6. Der Todten Tanz
  7. Burning Time And Space
  8. Inmortuos Sum
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.