MOTORHEAD – Aftershock

Pubblicato il 19/10/2013 da
voto
7.0
  • Band: MOTORHEAD
  • Durata: 00:46:54
  • Disponibile dal: 21/10/2013
  • Etichetta: UDR Music
  • Distributore: Audioglobe

Potremmo liquidare molto in fretta questo articolo dicendo che “Aftershock” è l’ennesimo disco dei Motorhead senza nessuna sorpresa al suo interno, ma quando si tratta di vere leggende della musica come Lemmy, Mikkey Dee e Phil Campbell, ogni loro nuova fatica in studio è un evento. Musica dura, diretta, sanguigna e totalmente disinteressata alle mode del momento, i Motorhead continuano ad essere ciò che hanno sempre rappresentato, una fottuta e devastante macchina da rock’n’roll. Dalla prima all’ultima nota del disco c’è adrenalina, basta ascoltare la potente opener “Heartbreaker” per ritrovare la band inglese a pestare sull’acceleratore, a scandire riff con poderose martellate di batteria. Ed ancora con “Coup The Grace” Lemmy non ci lascia respirare, il suo vocione caldo e marcescente ci regala l’ennesima perla di heavy rock sparato a tutta velocità. L’amore che la band britannica nutre per il blues sta tutto in “Lost Woman Blues”, dal cantato più pulito ed avvolgente che ci regala pochi ma intensi minuti di musica senza età. Pazienza se nel disco appare qualche episodio meno ispirato, quasi insipido (“Death Machine”), che ci ricorda che anche delle icone come i Motorhead possono perdere colpi, perché nel tempo di un battito di ciglia i Nostri tornano a sputare fuoco con la tirata “Going To Mexico” e l’anthemica “Silence When You Speak To Me”. “Afterschock” di certo non verrà annoverato tra le migliori produzioni firmate Motorhead, ma senza ombra di dubbio questo disco soddisfa quasi in toto le aspettative sia della band sia di tutti coloro che seguono le avventure degli inglesi sin dai loro esordi. I recenti problemi di salute che hanno colpito Lemmy sembrano cosa di altri tempi di fronte alla potenza di certi brani, ancora una volta questo vecchio dinosauro del rock ha dimostrato di avere una scorza praticamente indistruttibile e lo ha fatto a suon di musica. “Aftershock” non è il nuovo “1916” né il nuovo “Ace Of Spades”, ma trattasi di un buon disco pieno di buona musica. Vi pare poco?

TRACKLIST

  1. Heartbreaker
  2. Coup De Grace
  3. Lost Woman Blues
  4. End Of Time
  5. Do You Believe
  6. Death Machine
  7. Dust And Glass
  8. Going To Mexico
  9. Silence When You Speak To Me
  10. Crying Shame
  11. Queen Of The Damned
  12. Knife
  13. Keep Your Powder Dry
  14. Paralyzed
11 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.