MURDERDOLLS – Beyond The Valley Of The Murderdolls

Pubblicato il 02/10/2002 da
voto
7
  • Band: MURDERDOLLS
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2002
  • Etichetta:
  • Distributore:

Solitamente è un altro genere di recensioni a portare la mia firma, ma per questa volta ho deciso di sconfinare in un genere che solitamente lascio siglare ad altri, ed addentrarmi nel magico mondo dei Murderdolls. Tutto è partito per caso: avevo sentito parlare di loro come il progetto cyber-glam-punk di Joey Jordison degli Slipknot, accompagnato da Wednesday 13 dei Frankestein Drag Queens e Tripp Eisen degli Static X, che smettevano di colpo i panni metallosi per concentrarsi su qualcosa di molto simile alla band di Wednesday 13 e votandosi praticamente alla riscoperta/rilettura delle loro radici punk e glam citando e rivisitando Sex Pistols, Misfits, Motley Crue, Twisted Sisters, Faster Pussycat e via dicendo. Diciamo innanzitutto una cosa: i Murderdolls, pur non consistendo esattamente in un side-project estemporaneo (erano in attività già dal ’95 come solo-project di Jordison sotto il nome The Rejects, vale a dire molto tempo prima che gli Slipknot diventassero la new sensation del metal a stelle e strisce), non suggeriscono quella stessa longevità di cui una band validissima e capace di pubblicare come debutto un album così fresco e vitale dovrebbe giustamente essere foriera. Non ci vuole però molto a capire che il bello dei Murderdolls risieda proprio in questa totale mancanza di lungimiranza, questo dionisiaco amore per il dissoluto piacere dell’attimo che tutto lascia scorrere in fretta e senza necessità di avere un perché, un quando, un dove; quello che più colpisce, in anthem goliardici e stracolmi di contenuti ‘non-sense’ come “Twist My Sister”, “Kill Miss America”, “Love At First Fright”, “She Was A Teenage Zombie”, “Die My Bride” è soprattutto una vitalità e leggerezza fuori dal comune che non può che riportare alla memoria tutta una serie di band che affondano le radici nel movimento punk per poi tingersi di lazzi e colori glamour, cyber, metal, senza coordinate precise in un unico ed travolgente vortice di spontaneità, freschezza e genuinità. In questo dischetto, contenente quindici tra le tracce più ‘easy-listening’ e deflagranti ascoltate negli ultimi tempi, c’è il ‘lavoro’ di una band che ha saputo cogliere l’attimo, e trasformare in concretezza la più verace e semplice voglia di suonare per puro divertimento, proprio come succedeva ai tempi delle vecchie cantine insonorizzate con le scatole delle uova ed il polistirolo, dei concerti nei piccoli pub in periferia e delle autoproduzioni registrate con il quattro tracce amatoriale… Come dite? Questi qui sono ragazzi sulla cresta dell’onda con le loro rispettive band? Già, ed il bello dei Murderdolls sta anche in questo. Estemporanei, genuini ed irripetibili: da ‘vivere’ a tutti i costi.

TRACKLIST

  1. Slit My Wrist
  2. Twist My Sister
  3. Dead In Hollywood
  4. Love At First Sight
  5. People Hate Me
  6. She Was A Teenage Zombie
  7. Die My Bride
  8. Gran Rabbiny U.S.A.
  9. 197666
  10. Dawn of The Dead
  11. Let's Go To War
  12. Dressed To Depress
  13. Kill Miss America
  14. B-Movie Scream Queen
  15. Motherfucker I Don't Care
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.